Gli anni delle superiori

Istituto Tecnico L.Sanudo - Venezia -

Che belli gli anni delle superiori ! E' passato un bel pò di tempo , eppure , quando ci ripenso , un pò ne sento la mancanza , una nostalgia mi invade e mi porta a pensare che quelli erano anni davvero, quando avevo l'età adatta a sognare ed illudermi. Il lunedì mattina si parlava di calcio , di quello che si era fatto alla domenica ma non solo. Si parlava di musica era il tempo di " Il mio canto libero ", di manifestazioni di protesta, di conquiste sociali e di idee nuove e positive. Poi alla fine queste idee hanno lasciato il tempo che trovano ma, almeno se ne parlava. Paragonandole alle "chiacchiere" dei giovani d'oggi ci rimango malissimo...argomenti di discussione come il "grande fratello", "l'isola dei famosi", "i raccomandati" e tanti altri simboli delle idee giovanili d'oggi mi danno, purtroppo, la conferma di come sono ancora illuso ed ignorante della realtà !!!

Commenti

  1. Essere cresciuti ed avere un bagaglio di vita doloroso alle spalle non dovrebbe scoraggiare nessuno a continuare a sognare.
    ga giovani, i sogni sono grandi, variopinti e allegri, da grandi i sogni sono piccoli, magari hanno colori tenui ma ci sono sempre che possono riguardare il quotidiano, la famiglia e un pochino anche te stesso.
    Ai giovani d'oggi non è stato insegnato a sognare, gli è stato dato tutto e quello a cui tendono è togliere sempre di più fino a non ritrovarsi più niente.

    RispondiElimina
  2. I giovani d'oggi, cara Marisa, sono privi di ideali. E se non si hanno ideali non si può sognare. Sono dell'idea che non si impari a sognare ho si ha dentro qualcosa a cui aneli oppure...niente. Ciao alla prossima

    RispondiElimina
  3. ma se hai avuto tutto fin da piccolo non sai che ci possono essere delle cose che nascono dentro, non hai avuto il tempo di interrogarti e la personalità non si sviluppa, rimane in superficie senza valori e senza valore. ciao

    RispondiElimina
  4. OK, quello che dici può essere anche vero. Ma non credi che, anche se hai avuto tutto, qualcosa di tuo, di personale, lo dovresti avere lo stesso ??? Oppure sbaglio ??? Ciao

    RispondiElimina
  5. Tra quello che devi e quello che è c'è una distanza enorme.
    Tu non sbagli ma la realtà è purtroppo questa, stiamo tornando indietro in un'oscurantismo medioevale.
    Terribile!!

    RispondiElimina
  6. La situazione è tragica. E' proprio vero, come è scritto nel finale del post, è meglio essere illusi e ignoranti della realtà...tanto non cambia nulla. Ciao

    RispondiElimina

Posta un commento

Post popolari in questo blog

Sei un fiume forte, non ti perderai