Passa ai contenuti principali

E' veramente la volta che Bettino si rivolta nella tomba

Tutto come in quel lontano 1992 con il primo arresto di Mario Chiesa. Siamo alla dimostrazione che il sistema delle tangenti è peggio di 18 anni fa. “Mani Pulite” in Italia non è ancora finita. Mi fà male dirlo ma possiamo tranquillamente affermare che la corruzione non ha mai smesso di inquinare la nostra vita politica e civile. Bertolaso indagato passa in secondo piano dopo l’arresto, in flagranza di reato, del consigliere comunale di Milano, Mirko Pennisi (Pdl), si è fatto beccare mentre intascava da un imprenditore una mazzetta da 5000 euro. Certamente siamo convinti (Sig.) Pennini che è stato il generoso imprenditore ha offrirsi spontaneamente e lei come avrebbe potuto fargli un torto così grande nel rifiutare la generosa mazzetta ? Il Governo ora si prepara a stralciare il decreto legge sulla cosiddetta Protezione Civile SpA dopo che lo stesso era stato emanato d’urgenza…paura forse degli altarini ? A questo punto teniamoci pure Bertolaso e il suo “sistema” che realizzava rapidamente le cose con le ditte che lui preferiva, piuttosto che il “sistema” Pennisi dove la corruzione è democraticamente distribuita con la drammatica aggravante che nessun magistrato potrebbe mai contestarla. “Non facciamoci illusioni la corruzione è un sistema che oggi è peggio che nella Prima Repubblica “ – Paolo Galassi Presidente della Confapi -

Commenti

  1. Il "BUON GOVERNO" della corruzione.
    Berlusconi da buon SOMARO furbo si travestito da cavallo ed è riuscito a raccontarla a molti.
    Purtroppo per lui, nel mezzo della festa gli è scappato un raglio..
    Ancora una volta, i tanti ciuchi italici, avranno una buona scusa per continuare a votarlo.

    RispondiElimina
  2. "Noi viviamo in un Paese in cui è in piena attuazione il Piano di rinascita della P2 di Licio Gelli e il fondo non è ancora stato toccato perché giorno dopo giorno scivoliamo sempre più verso il baratro”.

    (Salvatore Borsellino, fratello del giudice Paolo Borsellino)

    RispondiElimina
  3. Caro mago posso prendermi l'onore di non essere uno di quei ciuchi italici...non l'ho mai votato e mai lo voterò. Angie il baratro è vicinissimo e se, come penso, vince le prossime elezioni ci siamo proprio arrivati

    RispondiElimina
  4. Bem vindooooooo.......Estou a lhes seguir.

    Bom diaaaaaaaaa M@ria

    RispondiElimina
  5. Come facciamo a farlo capire al resto degli italiani? Soprattutto quando alcuni di questi sono parenti ed amici? Il papi ha lavorato - o chi per lui - fin troppo bene nel costruirsi le basi di un consenso, che anche se non è così ampio come vorrebbe farci credere, ci pone sempre in bilico tra lui ed una sinistra allucinante, soprattutto dal punto di vista della lotta politica. Ricordo che il motivo per cui ha vinto si fonda anche sulla incapacità dell'opposizione. Mannaggia!

    RispondiElimina
  6. E' proprio vero Roby l'incapacità dell'opposizione è quello che più mi preoccupa. Non ci vedo chiaro neanche per le prossime regionali chissà...per quanto tempo ancora dovremo sopportarci il papi.

    RispondiElimina

Posta un commento

Post popolari in questo blog

Sei un fiume forte, non ti perderai

[…] mi viene solo in mente quella storia dei fiumi, […] e al fatto che si son messi lì a studiarli perché giustamente non gli tornava 'sta storia che un fiume, dovendo arrivare al mare, ci metteva tutto quel tempo, cioè scelga, deliberatamente, di fare un sacco di curve, invece di puntare dritto allo scopo, […] c'è qualcosa di assurdo in tutte quelle curve, e così si sono messi a studiare la faccenda e quello che hanno scoperto alla fine, c'è da non crederci, è che qualsiasi fiume, […], prima di arrivare al mare fa esattamente una strada tre volte più lunga di quella che farebbe se andasse diritto, sbalorditivo, se ci pensi, ci mette tre volte tanto quello che sarebbe necessario, e tutto a furia di curve, appunto, solo con questo stratagemma delle curve, […] è quello che hanno scoperto con scientifica sicurezza a forza di studiare i fiumi, tutti i fiumi, hanno scoperto che non sono matti, è la loro natura di fiumi che li obbliga a quel girovagare continuo, e perfino esatto…

The Libertines