Passa ai contenuti principali

Dal parrucchiere

“Debora, ti che ti sa cusinar, dame un consiglio. Gò i suoceri a casa e voria far bea figura. Se ea prima volta che i vien, capio ?
“Ti cossa ti voevi far?”
“Di primo pasta coe zucchine e gambareti, de secondo pollo arrosto coe patate”
“Tosa mia de secondo faghe do pesseti ! Meti do branzini al forno co oio, aio, rosmarin, do pomodori, venti minuti e i se pronti”
“Nooo el pesse no. No gò confidenza, a casa mia no eo fasso quasi mai.”
“ E ora cambia el primo e fa na roba coa carne o co ea verdura “
“ El polpetton ?”
“ Scusa ma sto polpetton da dove seo venio fora ?”
“Se chel me vien prorio ben , voevo far queo ! “
“ Ma che casso e ora leva via anca el pollo ! “
“ E patate e fasso però ! Podarai far anche do gamberoni de quei surgeai gia neti senza buccia, i metto in tecia, eh ?
“Boni i gamberoni. Ti podaressi meterghe anca un fià de pomodori…”
“ E d ‘antipasto prosciutto e mozaree ? “
“Marika ma fame capir, ma quanta roba ti gà da cucinar ?” “In quanti si ?”
“Semo sie o sette ma quando che invito gente a cena voio far bea figura. Più roba ghe se mejo se o no ? Come minimo un antipasto, primo, do secondi, do contorni el dolse. Come se usa nell’alta società.”
“E ora de primo faghe e penete col salmone e d’antipasto na bea insalata de mare de que bee pronte al supermercato che e se na favoa. Propri bona te eo digo mi ! “
“E come se fa ste penete al salmone ?”
“Ti compri ea pana al salmone e tea meti in tecia e ti ghe scoi dentro ea pasta. Fatto”
“Si, e ora fasso questa che se veoce. Però ghe fasso anca do tartine, con i crackers e il salmone”
“El dolse ?”
“Queo eo compro già fato. Tanti i suoceri se presenta coe pastine”
“Dopo fame saver come che ea se andada. Ma a mi quando te me inviti a cena ?”
“Marikaaa, Deboraaa, ea signora deve far el sciampo, chi vien ?”

Commenti

  1. Anonimo10:24

    Non è tanto un breve racconto ma, dal mio parrucchiere queste cose succedono. Saranno per quello che cambiano continuamente le lavoranti ?

    RispondiElimina

Posta un commento

Post popolari in questo blog

Sei un fiume forte, non ti perderai

[…] mi viene solo in mente quella storia dei fiumi, […] e al fatto che si son messi lì a studiarli perché giustamente non gli tornava 'sta storia che un fiume, dovendo arrivare al mare, ci metteva tutto quel tempo, cioè scelga, deliberatamente, di fare un sacco di curve, invece di puntare dritto allo scopo, […] c'è qualcosa di assurdo in tutte quelle curve, e così si sono messi a studiare la faccenda e quello che hanno scoperto alla fine, c'è da non crederci, è che qualsiasi fiume, […], prima di arrivare al mare fa esattamente una strada tre volte più lunga di quella che farebbe se andasse diritto, sbalorditivo, se ci pensi, ci mette tre volte tanto quello che sarebbe necessario, e tutto a furia di curve, appunto, solo con questo stratagemma delle curve, […] è quello che hanno scoperto con scientifica sicurezza a forza di studiare i fiumi, tutti i fiumi, hanno scoperto che non sono matti, è la loro natura di fiumi che li obbliga a quel girovagare continuo, e perfino esatto…

E' l'addio

Cos'è quella sensazione che si prova quando ci si allontana in macchina dalle persone e le si vede recedere nella pianura fino a diventare macchioline e disperdersi? È il mondo troppo grande che ci sovrasta, è l'Addio. Ma intanto, ci si proietta in avanti verso una nuova, folle avventura sotto il cielo. Jack Kerouac