Passa ai contenuti principali

Un soffio di vento

Alla mia destra un muro , in mattoni grigi, lievemente scrostati, mostra intere generazioni di scritte e disegni. Pensieri di ragazzi solitari. Insulti razzisti…frasi oscene…aforismi di qualche filosofo…animali che fumano canne, giovani su skateboard, faccine con nulla di umano.Incrocio un trentenne, in giacca e cravatta parla al cellulare…sembra con la sua ragazza. Forse stanno per lasciarsi. Qualche metro più in la un vecchio di colore è seduto per terra…suona la chitarra, ed una ragazzina, bianca, di non più di nove anni lo accompagna cantando una canzone. Fa caldo ma non lo sento, non vedo nemmeno la luce. Se urto qualcuno non chiedo scusa, alzo gli occhi e osservo il cielo. Mi siedo nell’erba…chiudo gli occhi…un soffio di vento mi accarezza il viso e…comincio a sognare.

Commenti

  1. Buon viaggio nel mondo dei sogni! ^_^

    RispondiElimina
  2. mi piace sognare ad occhi aperti

    RispondiElimina

Posta un commento

Post popolari in questo blog

Sei un fiume forte, non ti perderai

[…] mi viene solo in mente quella storia dei fiumi, […] e al fatto che si son messi lì a studiarli perché giustamente non gli tornava 'sta storia che un fiume, dovendo arrivare al mare, ci metteva tutto quel tempo, cioè scelga, deliberatamente, di fare un sacco di curve, invece di puntare dritto allo scopo, […] c'è qualcosa di assurdo in tutte quelle curve, e così si sono messi a studiare la faccenda e quello che hanno scoperto alla fine, c'è da non crederci, è che qualsiasi fiume, […], prima di arrivare al mare fa esattamente una strada tre volte più lunga di quella che farebbe se andasse diritto, sbalorditivo, se ci pensi, ci mette tre volte tanto quello che sarebbe necessario, e tutto a furia di curve, appunto, solo con questo stratagemma delle curve, […] è quello che hanno scoperto con scientifica sicurezza a forza di studiare i fiumi, tutti i fiumi, hanno scoperto che non sono matti, è la loro natura di fiumi che li obbliga a quel girovagare continuo, e perfino esatto…

The Libertines