Passa ai contenuti principali

Per la nostra strada


"...è andando via che si rimane". Copio questo titolo da una splendida canzone di Zucchero, per dovere di cronaca si tratta di un brano che porta anche la firma di Jovanotti. E penso…quasi tutto è giustificabile ?…il male che si fa a se stessi…gli errori ripetuti fino allo sfinimento, le valigie fatte in fretta, le assenze ingiustificate, le presenze, che spesso, lo sono ancora di più, le lettere che sostituiscono la voce, la voce che dice stronzate, le canzoni…che ti sembra di averle capite e che ti sembra abbiano capito te. Non è percorrendo distanze enormi senza toccare il terreno che ci si allontana da ciò che punge. La strada fatta a piedi porta fatica ma insieme pure consapevolezza, prima dei centimetri, poi dei metri e dopo ancora, perfino dei chilometri. Piano, piano…come dicono i vecchi saggi vecchietti.
Soltanto camminando, strofinando le suole sull’asfalto, e camminando di nuovo, va via la merda che abbiamo pestato sul marciapiede. Piano, piano. E’ solo andando via piano piano che ci si volta a guardare quello che rimane.

I’m walking away from the troubles in my life
I’m walking away oh to find a better day
I’m walking away
Sometimes some people get me wrong
when it’s something I’ ve said or done
sometimes you feel there is no fun
that’s why you turn and run.
Craig David

Commenti

  1. ...una bella lezione.

    RispondiElimina
  2. Vedi Pia è un cosa semplice ma...le cose semplici non vengono mai prese in considerazione sul serio. Cia alla prossima

    RispondiElimina

Posta un commento

Post popolari in questo blog

Sei un fiume forte, non ti perderai

[…] mi viene solo in mente quella storia dei fiumi, […] e al fatto che si son messi lì a studiarli perché giustamente non gli tornava 'sta storia che un fiume, dovendo arrivare al mare, ci metteva tutto quel tempo, cioè scelga, deliberatamente, di fare un sacco di curve, invece di puntare dritto allo scopo, […] c'è qualcosa di assurdo in tutte quelle curve, e così si sono messi a studiare la faccenda e quello che hanno scoperto alla fine, c'è da non crederci, è che qualsiasi fiume, […], prima di arrivare al mare fa esattamente una strada tre volte più lunga di quella che farebbe se andasse diritto, sbalorditivo, se ci pensi, ci mette tre volte tanto quello che sarebbe necessario, e tutto a furia di curve, appunto, solo con questo stratagemma delle curve, […] è quello che hanno scoperto con scientifica sicurezza a forza di studiare i fiumi, tutti i fiumi, hanno scoperto che non sono matti, è la loro natura di fiumi che li obbliga a quel girovagare continuo, e perfino esatto…

The Libertines