Parlando di "Febbre Suina"

Se “Mucca pazza” vi ha spaventati, se “Influenza aviaria” vi ha gettati nel panico, “Febbre Suina” è la pandemia che vi terrorizzerà come nessun’altra vi ha mai terrorizzato. Il 25 Aprile, nessuno ce ne aveva parlato, è scoppiata senza preavviso, accompagnata sui giornali dal consueto crescendo di articoli allarmanti, mappe di avvicinamento ai nostri confini, grafici di ascesa della malattia, schemini di prevenzione, proiezioni catastrofiche di mortalità. Non resta altro, al repertorio classico del panico mondiale, che lo sterminio massivo di maiali inermi e l’incetta di carne di manzo ai supermercati.
E poi…una corsa in ospedale per ogni febbriciattola. Il vaccino ha bisogno di sei mesi perché sia pronto ma, le case farmaceutiche, stanno facendo sforzi enormi per accorciare i tempi e…c’è da giurare ce la faranno. Arriveranno sul mercato grandi quantitativi di vaccino. La stessa cosa successe con il virus dei polli…diversi paesi fecero scorte di vaccini in attesa che il virus si trasformasse in devastante pandemia.
Chissà che fine hanno fatto quei grandi quantitativi di vaccini. Peccato che siano scaduti, con quel che erano costati !!! Ma, ragioniamoci un po’ sopra, mica possiamo farci prendere dal panico ogni sei mesi. Ecco ogni volta siamo tutti un po’ increduli della volta precedente. Quando prossimamente moriremo di Peste Ovina, almeno moriremo con un sorriso di scetticismo sulle labbra.

Commenti

  1. ...ovvero quando "al lulpo, al lupo" non si crede più...

    RispondiElimina
  2. Più che "al lupo, al lupo" non si crede più è ora di finirla con allarmanti proclami di pandemie mondiali...sembra di essere in un romanzo diciamo "I promessi sposi" e la peste...

    RispondiElimina

Posta un commento