Nel 1925

A proposito di inutilità del Parlamento ( L’ultima emergenza)…il 3 Gennaio 1925 Benito Mussolini andò in Parlamento e con aria molto truce pronunciò un discorso. Si era nel pieno del delitto Matteotti, ucciso da una squadraccia fascista e, lo stesso Mussolini, stava per essere coinvolto dalle indagine della magistratura.
Cosa disse Mussolini ? Poche parole…”Io assumo, io solo, la responsabilità politica, morale, storica di tutto quanto è avvenuto. Se il fascismo è stato un’associazione a delinquere, io sono il capo di questa associazione a delinquere…”
Mussolini, quindi ammette. Poi, però, dice che l’Italia è con lui e che se i magistrati e opposizione vogliono andare avanti salta per aria tutto, dà mano libera ai fascisti e finisce in un casino. Trà stabilità sociale e legalità democratica l’Italia rappresentata nel Parlamento sceglie la prima e dal quel momento in poi le cose vanno come sappiamo.
Con ciò voglio solo dire che quando si comincia ad affermare che il Parlamento non serve, che i processi sono solo un impedimento e silenzio e lasciatemi lavorare, una vera democrazia parlamentare dovrebbe ricordare, spaventarsi e reagire di conseguenza.

Commenti

  1. non arriveremo a tanto...vedrai :-)
    almeno mi auguro :-(

    RispondiElimina
  2. invece ci siamo molto vicini e nessuno se ne rende conto

    RispondiElimina
  3. Propendo piu' dalla parte di zefirina. Del resto hai anticipato quello che oggi e' riportato da tutti i quotidiani, qui e qui.
    Ciao

    RispondiElimina
  4. Momento inquietante, non è difficile temere il peggio.

    RispondiElimina
  5. ...per me siamo già andati oltre! Ma per quanto riguarda il reagire, nutro poche speranze!

    RispondiElimina
  6. "Non saprei, io al telegiornale vedo che quello Berlusconi fa tante belle cose, cmq mi interessa sentire che dite! Però ora scusate ma vado di fretta, ho la registrazione di Uomini e Donne da vedere! Chissà cosa farà il tronista oggi" (italiano medio)

    RispondiElimina
  7. Attendiamo il risultato delle prossime elezione e...poi vedremo

    RispondiElimina

Posta un commento