Libertà vigilata

Stà iniziando la giornata,davanti a me il sole…con le dita sulla tastiera del pc portatile…la finestra è aperta. Sento gorgheggiare i passeri…apro la porta del terrazzo ed esco per ascoltare quel piccolo concerto. Osservo gli alberi davanti a me e…non è un passero solo ma due, appollaiati e quasi uniti, sopra un ramo con poche foglie e penso…che bella compagnia. Poi, d’improvviso un andirivieni, che non termina mai, tanti passeri, alcuni che volano di albero in albero altri che si buttano in picchiata a terra…forse cercano qualcosa da mangiare…che cosa cercano ? Una briciola di pane ? Qualche verme ? Ecco per caso, o per fortuna, un passero ha trovato qualcosa…si alza in volo…ha trovato un piccolo verme, senza che possa perderlo lo tiene nel becco e lo inghiotte tutto soddisfatto, poi si libra nell’aria, verso la libertà. A volte penso…avrei voluto essere come quel passero che ha la libertà assoluta mentre, noi, uomini, purtroppo abbiamo la libertà vigilata.

Commenti

  1. ...e il nostro unico libero volo è quello della mente.

    RispondiElimina
  2. L'intelletto annulla il fato. Finché un uomo pensa, egli è libero.
    (Ralph Waldo Emerson)

    RispondiElimina
  3. Romanticona che non sei altro...

    RispondiElimina
  4. La mente...a volte vorrei non volerlaaverla

    RispondiElimina

Posta un commento