Passa ai contenuti principali

Closed ?

Ho aperto questo blog nel Novembre del 2007. E’ stato un’inizio in sordina, non ne sapevo proprio nulla di blog e di web. L’esplosione, il desiderio di buttarci dentro tutto quello che mi passava per la testa è arrivato dopo il fatto più tragico che mi sia successo nella vita…l’incidente di mio figlio Federico. Forse una valvola di sfogo, forse un cercare qualcosa che ho temuto di perdere. Mi ha dato e mi stà dando tutt’ora tante soddisfazioni : varie liste di contatto…un buon trend di fedeli lettori…ma soprattutto è stata una sorta di palestra nel Web per me, ignoto. Il motivo fondamentale della mia scelta è il tempo. Ora con Federico più vicino a casa, e con il suo vicino ritorno, il tempo sarà proprio tiranno…quindi stò pensando di diradare gli appuntamenti con la rete o più probabilmente di chiudere.
Mi prendo ancora qualche giorno di tempo, nel frattempo vorrei salutarvi e ringraziarvi tutti di cuore…GRAZIE per le vostre visite, GRAZIE per i vostri commenti, GRAZIE per i vostri post, lettura piacevole e interessante. Forse lascio ma, non farò mai mancare la mia collaborazione con blogolandia Venezia Mestre, gli arancioneroverdi avranno sempre e comunque il loro post sia per i playout, sia per il mercato estivo, sia per la prossima stagione…l’esperienza di questo blog “forse” si è conclusa.

Commenti

  1. In quanto "responsabile" di questo tuo progetto non posso che comprendere questa tua scelta.
    La sto prendendo in seria considerazione anch'io. I tempi cambiano, tutto si trasforma, sento che ho perso la verve iniziale e/o molto probabilmente le mie aspettative erano diverse...
    La tua presenza affianco di Federico è fondamentale più di qualsiasi altra cosa, più avanti chissà, potrai riprendere magari in maniera più "tranquilla" e così potrai renderci partecipi dei suoi progressi… quindi il mio è solo un arrivederci.

    Ps. Ci sentiamo però in blogolandia :-)

    RispondiElimina
  2. Grazie a te, semmai.

    Fai ciò che ti senti dentro, guai lasciar diventare le cose routine o obblighi.

    Salutoni a te e famiglia dall'estremo ponente Riviera Ligure.

    RispondiElimina
  3. Ancora un grande grazie per la Vostra partecipazione. Se vorrete troverete informazioni sui progressi di mio figlio Federico sul post a Lui dedicato. Continuerò comunque, se deciderò di chiudere, a parlarvi di Lui e del Venezia. Un minimo impegno e il minimo che possa fare...soprattuto per rispetto nei Vostri confronti. Un arrivederci e Buona Vita a tutti Voi.

    RispondiElimina
  4. Solo ora leggo questo post.
    Non so se manterrari il proposito, in ogni caso sentiti libero. Un pò mi mancherai, anche se anch'io a volte non riesco a trovare il tempo per "esserci".
    Un grande abbraccio
    Pia

    RispondiElimina

Posta un commento

Post popolari in questo blog

Sei un fiume forte, non ti perderai

[…] mi viene solo in mente quella storia dei fiumi, […] e al fatto che si son messi lì a studiarli perché giustamente non gli tornava 'sta storia che un fiume, dovendo arrivare al mare, ci metteva tutto quel tempo, cioè scelga, deliberatamente, di fare un sacco di curve, invece di puntare dritto allo scopo, […] c'è qualcosa di assurdo in tutte quelle curve, e così si sono messi a studiare la faccenda e quello che hanno scoperto alla fine, c'è da non crederci, è che qualsiasi fiume, […], prima di arrivare al mare fa esattamente una strada tre volte più lunga di quella che farebbe se andasse diritto, sbalorditivo, se ci pensi, ci mette tre volte tanto quello che sarebbe necessario, e tutto a furia di curve, appunto, solo con questo stratagemma delle curve, […] è quello che hanno scoperto con scientifica sicurezza a forza di studiare i fiumi, tutti i fiumi, hanno scoperto che non sono matti, è la loro natura di fiumi che li obbliga a quel girovagare continuo, e perfino esatto…

The Libertines