Passa ai contenuti principali

Venezia...la mia città

Bosisio Parini (Lc)...sera. Ho da poco salutato mia moglie Carla e mio figlio Federico che, come ben sapete sono quì dal 26 Gennaio. Stanza in affitto...dall'altra parte del muro voci...persone che condividono il vivere in comune e si scambiano opinioni e pareri mentre io, questa sera, non ho voglia di comunità. Anzi mi sono messo davanti al pc portatile ed ho cominciato a battere le lettere della tastiera incominciando a pensare alla mia città : Venezia.
E' una città di una bellezza e di un fascino sconcertante e credo che sia difficile non amarla. Mentre pensavo mi venivano alla mente molti particolari della città che solo chi ci è nato e cresciuto potrebbe riconoscere, capire ed apprezzare. Ho pensato alle serate, poche, con gli amici in qualche bacaro, alle passeggiate, con Carla, alle zattere verso l'imbrunire, alle traversate notturne del bacino san marco a bordo di un rumoroso ma soporifero vaporetto, raggomitolato nel mio giaccone di ritorno dal lavoro (ufficio postale Lido - settore pacchi-) in una qualsiasi notte invernale. Ho pensato ai rumori, agli odori, alla luce di Venezia che vive dentro di me e dove un giorno...sogno di un piccolo pensionato, tornerò per passare gli ultimi anni della mia vita, quella Venezia che mi aiuterà con la sua immensa grandezza di città eterna e magica a tirare un pò di somme e a fare il bilancio di quello che sono stato e di quello che non sono stato. Spero solo, che non sia troppo severa con me.

Commenti

Post popolari in questo blog

Sei un fiume forte, non ti perderai

[…] mi viene solo in mente quella storia dei fiumi, […] e al fatto che si son messi lì a studiarli perché giustamente non gli tornava 'sta storia che un fiume, dovendo arrivare al mare, ci metteva tutto quel tempo, cioè scelga, deliberatamente, di fare un sacco di curve, invece di puntare dritto allo scopo, […] c'è qualcosa di assurdo in tutte quelle curve, e così si sono messi a studiare la faccenda e quello che hanno scoperto alla fine, c'è da non crederci, è che qualsiasi fiume, […], prima di arrivare al mare fa esattamente una strada tre volte più lunga di quella che farebbe se andasse diritto, sbalorditivo, se ci pensi, ci mette tre volte tanto quello che sarebbe necessario, e tutto a furia di curve, appunto, solo con questo stratagemma delle curve, […] è quello che hanno scoperto con scientifica sicurezza a forza di studiare i fiumi, tutti i fiumi, hanno scoperto che non sono matti, è la loro natura di fiumi che li obbliga a quel girovagare continuo, e perfino esatto…

The Last Internationale - Life, Liberty, and the Pursuit of Indian Blood

Electric Light Orchestra - Don't Bring Me Down