Passa ai contenuti principali

Un dolore realistico

Pensavo che lo strazio di Berlusconi per le vittime del terremoto, esibito in diretta tv da quasi tutti i mass media, l'avrebbe indotto a sospendere in segno di lutto la pubblicità sulle sue reti per la giornata di venerdì, analogamente a quanto deciso per la Rai. Niente affatto, i canali Mediaset hanno trasmesso la solita grandine di spot. Evidentemente il suo dolore, ammesso che sia genuino, trova un limite invalicabile nell'interesse economico.

Commenti

  1. La coerenza non è mai stata la sua virtù.

    RispondiElimina
  2. Le vrtù, cara Pia, quell'uomo non sà cosa siano. Penso, che per lui, la parola virtù, nel vocabolario non esista. Ciao alla prossima

    RispondiElimina

Posta un commento

Post popolari in questo blog

Sei un fiume forte, non ti perderai

[…] mi viene solo in mente quella storia dei fiumi, […] e al fatto che si son messi lì a studiarli perché giustamente non gli tornava 'sta storia che un fiume, dovendo arrivare al mare, ci metteva tutto quel tempo, cioè scelga, deliberatamente, di fare un sacco di curve, invece di puntare dritto allo scopo, […] c'è qualcosa di assurdo in tutte quelle curve, e così si sono messi a studiare la faccenda e quello che hanno scoperto alla fine, c'è da non crederci, è che qualsiasi fiume, […], prima di arrivare al mare fa esattamente una strada tre volte più lunga di quella che farebbe se andasse diritto, sbalorditivo, se ci pensi, ci mette tre volte tanto quello che sarebbe necessario, e tutto a furia di curve, appunto, solo con questo stratagemma delle curve, […] è quello che hanno scoperto con scientifica sicurezza a forza di studiare i fiumi, tutti i fiumi, hanno scoperto che non sono matti, è la loro natura di fiumi che li obbliga a quel girovagare continuo, e perfino esatto…

The Libertines