Passa ai contenuti principali

Tristezza e speranza

A volte mi guardo allo specchio, e parlo a me stesso...vedo un uomo...un uomo qualunque che si guarda allo specchio...un uomo con mille domande per la testa...e si chiede il perchè della sua vita vissuta così. Mi viene voglia a volte di piangere con lui, invece, con i pensieri che mi nascono dal cuore e le parole che sgorgano come i zampilli di una fontana, gli dico di guardare il futuro con occhi di chi ha ancora tanto, tanto da...o tutto da scoprire. A volte mi sembra che quell'uomo riflesso sullo specchio riesca a capirmi, a volte, una lacrima rotola sulle sue guancie come a dirmi : "Quanta fatica !" Ed io mi rifugio nella rassegnazione. Rassegnazione...che brutta parola nella vita che non dovrebbe esistere. Ci fà solo pensare a come sopravvivere e a come passare la brutta stagione...come la tristezza di questo mio attimo nero. Un raggio di sole basta a far spuntare una fogliolina che cresce e si apre verso il blu del cielo. E' questo che in questi attimi io dimentico, che sotto la tristezza c'è qualcosa pronta a spuntare ancora...basta solo aspettare.

Commenti

  1. Oh! finalmente! Ciao :-)

    RispondiElimina
  2. errebi20:40

    Non riesco a capire la Tua risposta. E' una Tua acclamazione perchè ho scritto un post che ti compiace oppure è un affermazione di gioia e stupire per il mio basta solo aspettare ?

    RispondiElimina
  3. Entrambi, con l'ago della bilancia più verso la seconda. ;-)

    RispondiElimina

Posta un commento

Post popolari in questo blog

Sei un fiume forte, non ti perderai

[…] mi viene solo in mente quella storia dei fiumi, […] e al fatto che si son messi lì a studiarli perché giustamente non gli tornava 'sta storia che un fiume, dovendo arrivare al mare, ci metteva tutto quel tempo, cioè scelga, deliberatamente, di fare un sacco di curve, invece di puntare dritto allo scopo, […] c'è qualcosa di assurdo in tutte quelle curve, e così si sono messi a studiare la faccenda e quello che hanno scoperto alla fine, c'è da non crederci, è che qualsiasi fiume, […], prima di arrivare al mare fa esattamente una strada tre volte più lunga di quella che farebbe se andasse diritto, sbalorditivo, se ci pensi, ci mette tre volte tanto quello che sarebbe necessario, e tutto a furia di curve, appunto, solo con questo stratagemma delle curve, […] è quello che hanno scoperto con scientifica sicurezza a forza di studiare i fiumi, tutti i fiumi, hanno scoperto che non sono matti, è la loro natura di fiumi che li obbliga a quel girovagare continuo, e perfino esatto…

The Libertines