Passa ai contenuti principali

Primavera ? Pappagalli in città

E’ un fatto strano. Le primavere di una volta ci avevano abituato all’arrivo delle rondini. Ora invece, al loro posto, ci sono i pappagalli. Ve lo assicuro. Almeno nella mia città, nidificano nel quartiere in cui vivo, nel giardino condominiale di casa mia. Pappagalli in città. Probabilmente l’ultimo frutto multicolore del riscaldamento globale, della urbanizzazione degli habitat, dell’evoluzionismo. Mi pongo più domande : “Saranno le rondini del futuro ?” “Rimpiazzeranno i piccioni nelle piazze?” In tanti, sfuggiti alle gabbie o liberati da mani pietose, sopravvivono al gelo e invadono le città: parrocchetti verde smeraldo, cacatua dalla cresta rigogliosa, becchi rossi e blu. Vi garantisco, gli strepiti dal giardino di casa hanno un che di particolarmente esotico. “E come si nutrono?”, mi sono chiesto, visto che la loro dieta principale è fatta di bacche ? Niente paura, in fondo le città sono costruite per essere accoglienti. I pappagalli trovano sacchetti dell’immondizia anziché le bacche e, soprattutto, non hanno concorrenti. E non esistono stagioni : per strada c’è cibo tutto l’anno. Ospiti ingrati anche loro ?‘ Il dibattito è aperto. Personalmente li preferisco ai nostri piccioni da vicolo brutti e puzzolenti…

Commenti

  1. Avevo sentito che non riescono a trovare la strada di casa se si smarriscono. O forse "abbandonati" dai loro proprietari.
    Non mi e' mai capitato di vederli ma chissa adesso che finalemnte ha semesso di piovere volgero' lo sguardo verso l'alto.
    Ciao

    RispondiElimina
  2. Errebi17:40

    Guarda che da me, nel giardino di condominio, hanno nidificato. Ciao

    RispondiElimina

Posta un commento

Post popolari in questo blog

Sei un fiume forte, non ti perderai

[…] mi viene solo in mente quella storia dei fiumi, […] e al fatto che si son messi lì a studiarli perché giustamente non gli tornava 'sta storia che un fiume, dovendo arrivare al mare, ci metteva tutto quel tempo, cioè scelga, deliberatamente, di fare un sacco di curve, invece di puntare dritto allo scopo, […] c'è qualcosa di assurdo in tutte quelle curve, e così si sono messi a studiare la faccenda e quello che hanno scoperto alla fine, c'è da non crederci, è che qualsiasi fiume, […], prima di arrivare al mare fa esattamente una strada tre volte più lunga di quella che farebbe se andasse diritto, sbalorditivo, se ci pensi, ci mette tre volte tanto quello che sarebbe necessario, e tutto a furia di curve, appunto, solo con questo stratagemma delle curve, […] è quello che hanno scoperto con scientifica sicurezza a forza di studiare i fiumi, tutti i fiumi, hanno scoperto che non sono matti, è la loro natura di fiumi che li obbliga a quel girovagare continuo, e perfino esatto…

The Libertines