Passa ai contenuti principali

Il Cinghiale e il Cerbiatto

- "Il Cinghiale ed il Cerbiatto" :
Un cinghialetto ed un cerbiatto cuccioli sono amici e giocano felici correndo nel bosco.
Improvvisamente, non vedendola, cadono in una buca e picchiano la testa. Si svegliano
e non ricordano più nulla, nemmeno chi sono e come si chiamano.
Al ché il cerbiatto dice al cinghialetto - "Senti proviamo a descriverci reciprocamente, se
tu mi dici come sono fatto dalla tua descrizione magari mi ricordo chi sono".
Il cinghialetto lo scruta attentamente e comincia a descriverlo: "Dunque, sei snello,
affusolato, un bel pelo corto e lucente color castagna, un musino delicato, due grossi e
dolci occhioni scuri, delle gambette affusolate e delicate e mandi un fragrante profumo
di bosco"...
Il cerbiatto riflette serio e poi con un grido di gioia esclama: "Si, ora ricordo, sono un
cerbiatto, si, si, un cerbiatto !!!"
Tutto eccitato per la ritrovata memoria del suo compagno il cinghialetto sprona il
cerbiatto a fare lo stesso e descrivergli come era fatto.
Il cerbiatto allora lo guarda attentamente ed inizia: " Dunque sei bassotto, tracagnotto,
hai le gambe corte, il pelo scuro ruvido e stempiato,le orecchie grosse, hai i denti storti,
hai gli occhi incavati,sei mal proporzionato, ti muovi a passetti veloci tutto impettito,hai
un aspetto ridicolo e mandi un cattivo odore..."
Il cinghialetto ci pensa un po' su ed improvvisamente cade a terra sconfortato ed
esclama:
" CAZZO, NOOOOO...
SONO BRUNETTA !!!!!"
(email ricevuta da Novalis - troppo bella)

Commenti

  1. :-)), (l'avevo ricevuta anche io)
    ciao

    RispondiElimina
  2. Mi ha colpito subito. Il cinchiale và proprio a pennello con Brunetta. Vi saluto e alla prossima.

    RispondiElimina

Posta un commento

Post popolari in questo blog

Sei un fiume forte, non ti perderai

[…] mi viene solo in mente quella storia dei fiumi, […] e al fatto che si son messi lì a studiarli perché giustamente non gli tornava 'sta storia che un fiume, dovendo arrivare al mare, ci metteva tutto quel tempo, cioè scelga, deliberatamente, di fare un sacco di curve, invece di puntare dritto allo scopo, […] c'è qualcosa di assurdo in tutte quelle curve, e così si sono messi a studiare la faccenda e quello che hanno scoperto alla fine, c'è da non crederci, è che qualsiasi fiume, […], prima di arrivare al mare fa esattamente una strada tre volte più lunga di quella che farebbe se andasse diritto, sbalorditivo, se ci pensi, ci mette tre volte tanto quello che sarebbe necessario, e tutto a furia di curve, appunto, solo con questo stratagemma delle curve, […] è quello che hanno scoperto con scientifica sicurezza a forza di studiare i fiumi, tutti i fiumi, hanno scoperto che non sono matti, è la loro natura di fiumi che li obbliga a quel girovagare continuo, e perfino esatto…

The Libertines