Passa ai contenuti principali

Anche oggi...piove

Sarà che non ci sono più le mezze stagioni, sarà il ninò, o forse sarà che "Piove governo ladro..." in ogni caso mi è venuta l'idea di fare un break e di leggervi una poesia che avevo fatto alle superiori di Gabriele D'Annunzio :

La pioggia nel pineto
Taci. Su le soglie
del bosco non odo
parole che dici
umane; ma odo
parole più nuove
che parlano gocciole e foglie
lontane.Ascolta. Piove
dalle nuvole sparse.
Piove su le tamerici
salmastre ed arse,
piove su i pini
scagliosi ed irti,
piove su i mirti
divini,
su le ginestre fulgenti
di fiori accolti,
su i ginepri folti
di coccole aulenti,
piove su i nostri volti
silvani,
piove su le nostre mani
ignude,
su i nostri vestimenti
leggieri,
su i freschi pensieri
che l'anima schiude
novella,
su la favola bella
che ieri
t'illuse, che oggi m'illude,
o Ermione.

Commenti

  1. "Piove governo ladro" è la più appropriata.
    La lirica del D'Annunzio è, secondo me, la più bella in assoluto: sempre mi emoziona, sempre mi da i brividi. Grazie di averla pubblicata.

    RispondiElimina
  2. Errebi11:30

    D'accordissimo con te, pia. Per quanto riguarda il governo ogni commento è superfluo. Ciao, alla prossima

    RispondiElimina
  3. La pioggia nel pineto e' un classico, meritatamente.
    Anche qui piove piove e piove, anzi peggio spioviggina. Questo tempo mette una malinconia.
    Speriamo in un arcobaleno, :-)
    ciao

    RispondiElimina
  4. Mi sono preso una settimana di ferie e sono nella mia Liguria. Oltre alla pioggia mi sono beccato anche bel raffreddore...

    RispondiElimina
  5. Errebi14:45

    Suburbia: Io la malinconia la chiamo MALINCONOIA. Quì sembra il diluvio universale. Ciao alla prossima
    Alberto: Liguria bellissima. Non ho mai avuto l'occasione per andarci ma verrà il momento. Auguri per il tuo raffreddore, un'aspirina e a leto sotto le coperte. Ciao alla prossima

    RispondiElimina

Posta un commento

Post popolari in questo blog

Sei un fiume forte, non ti perderai

[…] mi viene solo in mente quella storia dei fiumi, […] e al fatto che si son messi lì a studiarli perché giustamente non gli tornava 'sta storia che un fiume, dovendo arrivare al mare, ci metteva tutto quel tempo, cioè scelga, deliberatamente, di fare un sacco di curve, invece di puntare dritto allo scopo, […] c'è qualcosa di assurdo in tutte quelle curve, e così si sono messi a studiare la faccenda e quello che hanno scoperto alla fine, c'è da non crederci, è che qualsiasi fiume, […], prima di arrivare al mare fa esattamente una strada tre volte più lunga di quella che farebbe se andasse diritto, sbalorditivo, se ci pensi, ci mette tre volte tanto quello che sarebbe necessario, e tutto a furia di curve, appunto, solo con questo stratagemma delle curve, […] è quello che hanno scoperto con scientifica sicurezza a forza di studiare i fiumi, tutti i fiumi, hanno scoperto che non sono matti, è la loro natura di fiumi che li obbliga a quel girovagare continuo, e perfino esatto…

The Libertines