Passa ai contenuti principali

Quel popolo alla Fiera di Roma e " Il banchetto"

L'Italia forse non ha mai conosciuto nella sua storia recente momenti così intensi. Alla Fiera di Roma finalmente un autentico tripudio dovuto all'impegno e al sacrificio.Migliaia di uomini impegnati da sempre a lottare per la crescita civile e per ideali elevati si sono finalmente incontrati. Hanno stabilito un patto d'acciaio sulla base di una filosofia granitica: il futuro della rinascita nazionale! Personalmente mi sono quasi commosso...Quasi! Avrei solo sostituito gli inni usati con uno senz'altro più consono e cioè "Il banchetto" della vecchia Premiata Forneria Marconi.

Ecco il testo:
Sire, maestà
riverenti come sempre siam tutti quà
sire, siamo noi
il poeta, l'assassino e sua santità
tutti fedeli amici tuoi
ah...Maestà
Prego, amici miei
lo sapete non so stare senza di voi
presto, sedetevi,
al banchetto attendavamo soltanto voi
sempre ogni giorno che verrà
finchè amore e pace regnerà.
Tutti sorridono
solo il popolo non ride,
ma lo si sà
sempre piagnucola
non gli và mai bene niente chissà perchè,
chissà perche ecc.ecc.
Perfetto!!!

Commenti

Post popolari in questo blog

Sei un fiume forte, non ti perderai

[…] mi viene solo in mente quella storia dei fiumi, […] e al fatto che si son messi lì a studiarli perché giustamente non gli tornava 'sta storia che un fiume, dovendo arrivare al mare, ci metteva tutto quel tempo, cioè scelga, deliberatamente, di fare un sacco di curve, invece di puntare dritto allo scopo, […] c'è qualcosa di assurdo in tutte quelle curve, e così si sono messi a studiare la faccenda e quello che hanno scoperto alla fine, c'è da non crederci, è che qualsiasi fiume, […], prima di arrivare al mare fa esattamente una strada tre volte più lunga di quella che farebbe se andasse diritto, sbalorditivo, se ci pensi, ci mette tre volte tanto quello che sarebbe necessario, e tutto a furia di curve, appunto, solo con questo stratagemma delle curve, […] è quello che hanno scoperto con scientifica sicurezza a forza di studiare i fiumi, tutti i fiumi, hanno scoperto che non sono matti, è la loro natura di fiumi che li obbliga a quel girovagare continuo, e perfino esatto…

E' l'addio

Cos'è quella sensazione che si prova quando ci si allontana in macchina dalle persone e le si vede recedere nella pianura fino a diventare macchioline e disperdersi? È il mondo troppo grande che ci sovrasta, è l'Addio. Ma intanto, ci si proietta in avanti verso una nuova, folle avventura sotto il cielo. Jack Kerouac