Ora anche la liberta di coscienza ci viene scippata

Costretti a vivere, anche se in stato vegetativo, anche se si tratta di non vita. La destra contro gli emandamenti su idratazione e alimentazione. L'accanimento terapeutico viene imposto per legge. Non ci lasciano più neanche la libertà di coscienza, l'unica forma per opporsi a poteri autoritari e tutelare i comuni cittadini da sopraffazioni esterne, politiche o religiose. Approvando il testo di legge Calabrò la volontà del malato può attendere. Nessuno farà più testamento biologico, perchè preoccuparsi se le proprie indicazioni verranno disattese ? Una legge contro la costituzione che, invece di tutelare un diritto lo cancella. Depositiamo il testamento biologico prima che la norma sia operativa !!!

Commenti