Passa ai contenuti principali

Vecchi ricordi

Sono qui davanti al pc. Con il post bianco. Tutto da scrivere. E penso: abbiamo cicatrici in tanti posti impensabili, sono come mappe segrete delle storie personali, diagrammi di tutte le vecchie ferite. La maggior parte di esse guariscono lasciando solo i segni, ma alcune non guariscono, le portiamo con noi ovunque e, anche se si sono rimarginate da tempo, un pò di dolore ovviamente resta. Ma quali sono le peggiori ? Le nuove ferite che sono così dolorose o quelle vecchie che dovevano guarire e invece sono ancora li... ho smesso di chiedermelo.
Certo quelle vecchie ci insegnano qualcosa ci ricordano dove siamo arrivati e cosa abbiamo superato, ci danno lezioni su cosa evitare in futuro o perlomeno così dovrebbe essere, ed è questo che ci piace pensare.
Ma non è sempre così, vero ???

Commenti

  1. Un post bianco: come un pittore davanti a una tela, o un fabbro davanti al vuoto dove costruire una scala a chiocciola. Una volta si attendeva ad una pagina bianca, magari un diario, con la biro o la matita e pensare pensare. E difficile scrivere qualcosa che non è già stato scritto da altri. Magari partire dalle proprie ferite, anche se vecchie, permette di colorare un vuot bianco.

    RispondiElimina
  2. Errebi15:10

    Esattamente !!! Sono proprio partito da delle vecchie ferite non ancora rimarginate e senza accorgermene ho colorato un vuoto bianco. Alla prossima

    RispondiElimina

Posta un commento

Post popolari in questo blog

Sei un fiume forte, non ti perderai

[…] mi viene solo in mente quella storia dei fiumi, […] e al fatto che si son messi lì a studiarli perché giustamente non gli tornava 'sta storia che un fiume, dovendo arrivare al mare, ci metteva tutto quel tempo, cioè scelga, deliberatamente, di fare un sacco di curve, invece di puntare dritto allo scopo, […] c'è qualcosa di assurdo in tutte quelle curve, e così si sono messi a studiare la faccenda e quello che hanno scoperto alla fine, c'è da non crederci, è che qualsiasi fiume, […], prima di arrivare al mare fa esattamente una strada tre volte più lunga di quella che farebbe se andasse diritto, sbalorditivo, se ci pensi, ci mette tre volte tanto quello che sarebbe necessario, e tutto a furia di curve, appunto, solo con questo stratagemma delle curve, […] è quello che hanno scoperto con scientifica sicurezza a forza di studiare i fiumi, tutti i fiumi, hanno scoperto che non sono matti, è la loro natura di fiumi che li obbliga a quel girovagare continuo, e perfino esatto…

The Libertines