Batterie e il futuro delle energie alternative

Fate una prova: togliete le pile dal telefonino o dal computer. Di colpo, l'aggeggio che vi pesa sempre, come un macigno, in tasca o nella borsa, è leggero come un foglio di carta. E fosse solo questo. Quante volte prendete il cellulare per fare una telefonata importante e un lamentoso bip vi avverte subito che il telefonino stà per abbandonarvi ? Oppure piazzate il vostro pc sul tavolinetto dell'aereo per scrivere quella cosa importante. Niente, c'è una lampadina che lampeggia furiosamente. "Carica del portatile in esaurimento" avverte lo schermo. Così tocca ricorrere all'unico backup disponibile: carta e penna.
Capita sempre, capita a tutti. Perchè tutti ci scontriamo, di continuo, con un problema apparentemente insolubile. "Anche se sembra arcaica, in un mondo di gigaherzt, di nanocircuiti, la vecchia modesta pila non solo è sopravvissuta alla moderna era digitale. La alimenta". Ma questa è esattamente la fregatura. "La più importante strozzatura nel cammino della tecnologia oggi è un unico singolo ostacolo: le batterie. Fra tutti gli straordinari progressi degli ultimi cinquant'anni, la tecnologia della batteria è rimasta, fondamentalmente la stessa.
Dal 1859, anno della prima batteria ricaricabile, siamo rimasti più o meno li. La batteria che, tutte le mattine, mette in moto (se non l'avete lasciata con i fari accesi) la vostra macchina è, ancora, in buona sostanza quella del 1859. Bisognerebbe, insomma, inventare la batteria, un'altra volta.
La pila resta, tuttora una scatola piena di elementi chimici che producono elettricità, secondo principi e processi, noti da decenni. Questo non significa che ci siano stati progressi significativi, che hanno reso possibile, tra l'altro, telefonini e computer portatili.
L'ultimo grido, comunque, delle batterie, sono quelle al litio. Sono di trenta anni fà. Dunque, per il mondo digitale, le batterie, sono una zavorra storica.
Come procedere per eliminare questa zavorra ? Ecco una fantastica, interessante battaglia cruciale per l'immagazzinamento di energia. Il futuro delle energie alternative è legato a doppio filo alla possibilità di immagazzinare energia, da distribuire anche quando vento e sole non ci sono. E' il litio la risposta ???

Commenti

  1. Hai ragione, una riflessione necessaria.
    Non so come contribuire alla causa, posso solo sostenerla!

    RispondiElimina
  2. Errebi22:04

    Ti ringrazio per il sostegno...aspettiamo contributi. Ciao

    RispondiElimina
  3. Abbiamo una proposta interessante per te

    RispondiElimina

Posta un commento

Post popolari in questo blog

Sei un fiume forte, non ti perderai