Post

Visualizzazione dei post da Marzo, 2009

Archeologia del pallone

Immagine

Quel popolo alla Fiera di Roma e " Il banchetto"

Immagine
L'Italia forse non ha mai conosciuto nella sua storia recente momenti così intensi. Alla Fiera di Roma finalmente un autentico tripudio dovuto all'impegno e al sacrificio.Migliaia di uomini impegnati da sempre a lottare per la crescita civile e per ideali elevati si sono finalmente incontrati. Hanno stabilito un patto d'acciaio sulla base di una filosofia granitica: il futuro della rinascita nazionale! Personalmente mi sono quasi commosso...Quasi! Avrei solo sostituito gli inni usati con uno senz'altro più consono e cioè "Il banchetto" della vecchia Premiata Forneria Marconi.
Ecco il testo: Sire, maestà riverenti come sempre siam tutti quà sire, siamo noi il poeta, l'assassino e sua santità tutti fedeli amici tuoi ah...Maestà Prego, amici miei lo sapete non so stare senza di voi presto, sedetevi, al banchetto attendavamo soltanto voi sempre ogni giorno che verrà finchè amore e pace regnerà. Tutti sorridono solo il popolo non ride, ma lo si sà sempre piagnucola non gli và m…

A Pietro Ingrao

Immagine
Ho letto la Tua intervista sull'Unità del 28 marzo.Oggi vorrei scrivere che tale intervista non mi persuade del tutto. Dopo la nascita del Pd si apriva una sfida inedita. Dare corpo, pensiero e forme ad una nuova sinistra popolare capace di parlare al Paese. Purtroppo, caro Ingrao, tutto questo non è successo. Anzi si è consumata una fuoriuscita dei piccoli partitini che, non sono il male peggiore, ma con essa sono uscite le tante persone che si sono astenute alle ultime elezioni. E che sono la cosa più importante. A questi si aggiungono oggi molti elettori delusi dal Pd. Non credo, come tu ai accennato, che a tutte queste persone si possa parlare ripartendo dall'identità e dai simboli. Sai bene che quei simboli sono stati mortalmente colpiti dalla storia. Il punto non è come far sopravvivere in Italia una forza comunista ma, come dar vita ad una sinistra che tenga insieme coloro che vengono dalle tradizioni storiche e quelli che sono sinistra in altro modo, con altri percorsi…

Silvio, monarca assoluto

Immagine
(Dall'Unità - 30/03/2009 -) E' nato il "Nuovo Partito Monarchico", dove Re Silvio, secondo statuto, viene acclamato leader con un mandato di scadenza e nomina, a suo insindacabile giudizio, tutto il gruppo dirigente, compresi, ovviamente, come già avvenuto, i prossimi parlamenti. Peccato che Alleanza Nazionale, partito di destra, che si era abituato alle regole della democrazia, con congressi veri e mozioni contrapposte, quando era il caso, si sia totalmente venduta, nonostante la robusta opposizione di Fini a Berlusconi. L'unico modo per impedire che Berlusconi "regni sul nostro Paese"è far passare il referendum Segni-Gazzetta, per ripristinare un minimo di "pubblica decenza" nei confronti della "legge porcata" di Calderoli ed appoggiare quello di Casini teso a introdurre le preferenze nelle elezioni politiche.

Non si è potuto giocare

Immagine
Venezia-Legnano (partita sospesa) Lega Pro I Divisione - Girone A -Non ho ricordi di una partita di calcio sospesa al Penzo. E' invece successo oggi, a causa della pioggia torrenziale abbattutasi sulla città lagunare e del pericolo per il fenomeno dell'acqua alta. L'arbitro della partita ha così deciso : impossibile giocare in un campo ridotto ad un acquitrinio. Aspettiamo ora le decisioni della Lega per la data del possibile recupero.

Tibet proibito

Immagine
C'è un posto in cui inferno e paradiso stanno uno dentro l'altro. Sull'altopiano tibetano, dove gli uomini sono mantelli rossi in lontananza tra pascoli nerissimi di yak, il sole dei tremila accende la faccia e il cielo è davvero solo un piano più su. In Cina dicono che per i sei milioni di tibetani è un paradiso, forse si, se potessimo raccontare un'altra stori e immaginare una Cina finalmente illuminata dallo spirito e dai colori delle scorse Olimpiadi. A guardare bene però, queste montagne nascondono un girone di dannati. Vivere in Cina per i tibetani è un inferno, ha denunciato il Dalai Lama nel giorno del suo cinquantunesimo anno di esilio. Il Tibet sembra tornato ai vecchi tempi, quando era la Siberia della Cina, il confino dei dissidenti politici. E' una terra puntellata di "lungta", le lunghe file di preghiere colorate affidate al vento, che le forze dell'ordine hanno brutalmente bruciato con la paura. I tibetani sono rassegnati a una sorta di…

A Fabrizio Cicchitto

Immagine
Pura demagogia. Altro non è, per lei, l'accusa rivolta al governo di sprecare 400 milioni di euro per non voler accorpare il referendum sulla legge elettorale (la "porcata"), come la definì il suo ispiratore Roberto Calderoni con le elezioni europee di giugno. E tutto, sostengono gli accusatori, per mettere a rischio il raggiungimento del quorom e quindi il successo della consultazione. Il conto, secondo lei, non và presentato al governo, bensì a "coloro che hanno voluto indire il referendum". Quelli sono i responsabili dello spreco. Si pentano, allora, i 179 componenti del comitato promotore, da Mario Segni fino ai ministri Alfano, Brunetta e Prestigiacomo, al portavoce del Popolo della Libertà Daniele Capezzone, al sindaco di Roma Gianni Alemanno, oltre ai tanti grilli parlanti della sinistra. Tutti quanti si batano forte il petto. Perchè 400 milioni di euro sono pressochè il doppio della somma impegnata finora dallo Stato per la social card dei poveri. Con q…

Dal I° anno dell'era fascista all'inizio della II guerra mondiale

Immagine
Nonno Gigi racconta IV (Dal balilla all'avanguardista tutto un'adunata)
Avevo un anno quando i miei genitori si trasferirono a Mestre in un appartamento dei nuovi fabbricati in concessione ai ferrovieri. Mio padre aveva 23 anni e soffrì del distacco dalla famiglia e da Venezia, anche se ora il collegamento con la città era effettuato in ferrovia con il ponte translagunare. Nel dicembre 1923 sò camminare. Il 19 la mamma dà alla luce mio fratello Mario. Se pur sfocata nel tempo, rivedo la mamma seduta nella sedia in cucina mentre allatta Mario. Le lacrime le scendevano sul viso. Papà viaggia anche per più giorni senza ritornare. E' la vita. Nevica quando, al compimento dei miei tre anni, mamma mi porta in braccio all'asilo delle suore in via A. Costa, avvolto nello scialetto di lana rossa. Quanta angoscia nei bambini alla loro prima separazione dal nido famigliare. Sono fotografie indelebili. Lo sguardo fisso alla vetrata lignea al centro della quale è la porta dove la ma…

Tutto come allora...

Immagine
2 Giugno 1981, Rino Gaetano, dopo esser stato vittima di un incidente stradale, salvatosi dall'impatto, non riuscì a scamparla dalla solita burocrazia che lo costrinse ad essere rifiutato da cinque ospeali. Morì cosi Gaetano. Un personaggio che attraverso i testi delle sue canzoni seppe raccontare il disagio di un epoca che poi tanto diversa da quella di oggi non è. Mi permwetto, per un giorno, di prendere in prestito Rino, con un suo testo, straordinariamente ricco di citazioni e estremamente efficace nel far rivivere il pensiero e la condizione dell'italiano medio nella metà degli anni '70. Ditemi, comunque, trovate qualche analogia con il nostro tempo ?

Abbasso e alè abbasso e alè abbasso e alè con le canzoni senza fatti e soluzioni la castità la verginità la sposa in bianco il maschio forte i ministri puliti i buffoni di corte ladri di polli super pensioni ladri di stato e stupratori il grasso ventre dei commendatori diete politicizzate evasori legalizzati auto blu sangue blu ieli blu a…

Il Vaticano riconoscerà i suoi errori ?

Immagine
Dopo aver sentito le dure parole del cardinal Bagnasco è leggittimo pensare che si voglia allargare l'infallibilità e l'autorità papale sino ad ora ristrette nell'ambito teologico, in campi non di sua pertinenza. E siccome viviamo in Italia, è facile prevedere che tutto quello che farà e dirà la Cei in appoggio alla volontà del Papa si tramuterà in aspra diatriba politica. Non mi stupirei che, da parte di Berlusconi, ci scappi qualche decreto legge che colmerà di gioia il cuore dei porporati. Certo che il Papa è liberissimo di dire come la pensa, ma gli altri sono ancora più liberi di dire che non sono d'accordo. E se la Cei considera offesa o ingiuria il dissenso, si ponga una domanda. Come mai questo Papa suscita tante reazioni negative nel mondo ? Sono così sicuri che a sbagliare sono sempre gli altri ? Penso proprio, caro cardinale, che prima o poi, la Chiesa i suoi errori saprà riconoscerli. Ci metterà un pò di tempo, pensate a Galileo, ma alla fine ci arriverà. S…

La crisi e la beffa

Immagine
Gli italiani devono lavorare di più. E' l'ennesimo schiaffo morale a tutti quelli che il lavoro lo stanno perdendo e non certo per loro volontà...

Ora anche la liberta di coscienza ci viene scippata

Immagine
Costretti a vivere, anche se in stato vegetativo, anche se si tratta di non vita. La destra contro gli emandamenti su idratazione e alimentazione. L'accanimento terapeutico viene imposto per legge. Non ci lasciano più neanche la libertà di coscienza, l'unica forma per opporsi a poteri autoritari e tutelare i comuni cittadini da sopraffazioni esterne, politiche o religiose. Approvando il testo di legge Calabrò la volontà del malato può attendere. Nessuno farà più testamento biologico, perchè preoccuparsi se le proprie indicazioni verranno disattese ? Una legge contro la costituzione che, invece di tutelare un diritto lo cancella. Depositiamo il testamento biologico prima che la norma sia operativa !!!

Ancora Rino

Immagine
Ho ascoltato il nuovo cd doppio, appena uscito, di Rino Gaetano. Non tutto è di altissimo livello ma tutto è interessante. Live & Rarities, così si chiama la raccolta, autorizzata dalla famiglia, dice soprattutto due cose: che Rino era un gigante (e questo si sapeva) e che è più vivo lui da morto che molti suoi colleghi da vivi. Il primo cd della raccolta è una miscellanea di rarità, il secondo un live del '77 a San Cassiano (Lecce) con i Crash. Non un capolavoro, ma un documento grezzo, commovente: vivissimo. Riascoltati, oggi, perfino gli "scarti" di Gaetano raccontano il presente pi della maggior parte dei suoi colleghi vivi. Lui non c'è più, le sue canzoni sì. Gaetano sapeva, come diceva De Andrè, allenare la lingua per i vaffanculo. Rino lo sapeva fare ed era nuntereggaepiù.

Dopo l'acqua, l'aria !

Immagine
Un milardo e 200 milioni di persone non hanno accesso sufficiente alle fonti di acqua pulita e quasi altri due miliardi di esseri umani vivono senza servizi igienici. Si prevede che entro il 2030 metà del mondo resterà senza risorse idriche a causa dei cambiamenti climatici ma anche della rapida crescita demografica. E intanto il nostro Parlamento cosa fà: ha votato l'articolo 23bis della legge 112 del ministro Tremonti, che afferma che la gestione dei servizi idrici deve essere sottomessa alle regole dell'economia capitalista (fonte Sole 24 Ore). A questo punto arriveremo un giorno a privatizzare anche l'aria che respiriamo ? Si potrà stabilire la tariffa secondo la capacità dei polmoni di ciascuno. Un omone pagherà più di un omino. Per i bambini propongo una tariffa ridotta !!!

Dalla fine della prima guerra mondiale alla nascita del fascismo

Immagine
Nonno Luigi racconta III (Passando in mezzo ai regimi dittatoriali)
Terminati i proclami di vittoria e le acclamazioni di gloria, l'Italia agricola si ritrova con i gravi problemi della miseria e della disoccupazione. Le frangie politiche sono in lotta. Ora i nonni Lancerotti abitano al civico 5509 in corte Rubi alla Fava, un appartamento situato al piano terrazza costituito da detto piano e piano superiore. Nella stanza degli ospiti dormivano gli operai che venivano dalla campagna, settimanalmente, per lavorare. Fra questi, Gino, mio padre. Ora la famiglia di Marco è composta da 5 persone fra cui le sorelle Nina, Teresa e Maria. Teresa lavora in una sartoria sita sopra la rampa del ponte di S.Antonio, che immette al capo S.Bartolomeo. Così si formarono i promessi sposi. L'anno 1921 è per Gino e Teresa l'anno dei fiori d'arancio. L'Italia è agitata da scioperi, Gino entra nelle Ferrovie Statali; in Russia Leni, ha instaurato la dittatura del proletariato; un maestro…

I playout sono a due punti

Immagine
Venezia - Novara 3-1 Lega Pro 1 Divisione
Dopo 4 mesi di distanza il Venezia torna a vincere. Era dal 30 novembre dell'anno scorso, a San Benedetto del Tronto. Tre a uno alla Samb, tre a uno ieri al Novara. Non pensiamo però ad una affermazione chiara come il risultato. La squadra ha faticato non poco ad entrare in partita, non giocandola per un'ora. Il match winner dell'incontro è stato Cardinale che, con due splendide conclusioni, ha dapprima propiziato il pareggio dopo il calcio di rigore del vantaggio piemontese, e poi il vantaggio lagunare (2-1). La vittoria di ieri è coincisa con lo stop casalingo della Sambenedettese contro il Ravenna (0-1). I punti di ritardo, ora, dalla zona playout, sono solamente due, e il Venezia dovrà ospitare al Penzo la squadra marchigiana. Intanto pensiamo a domenica: al Penzo arriva il Legnano. Tutto sembra riaperto, con il vantaggio che anche le dirette concorrenti (Lecco-Pro Sesto e per l'appunto Sambenedettese) non attraversano certa…

Batterie e il futuro delle energie alternative

Immagine
Fate una prova: togliete le pile dal telefonino o dal computer. Di colpo, l'aggeggio che vi pesa sempre, come un macigno, in tasca o nella borsa, è leggero come un foglio di carta. E fosse solo questo. Quante volte prendete il cellulare per fare una telefonata importante e un lamentoso bip vi avverte subito che il telefonino stà per abbandonarvi ? Oppure piazzate il vostro pc sul tavolinetto dell'aereo per scrivere quella cosa importante. Niente, c'è una lampadina che lampeggia furiosamente. "Carica del portatile in esaurimento" avverte lo schermo. Così tocca ricorrere all'unico backup disponibile: carta e penna.
Capita sempre, capita a tutti. Perchè tutti ci scontriamo, di continuo, con un problema apparentemente insolubile. "Anche se sembra arcaica, in un mondo di gigaherzt, di nanocircuiti, la vecchia modesta pila non solo è sopravvissuta alla moderna era digitale. La alimenta". Ma questa è esattamente la fregatura. "La più importante strozza…

Dai primi del '900 alla prima guerra mondiale

Immagine
Nonno Luigi racconta II (Attraverso lutti e rovine)
Era l'anno 1900 quando nella casa dei nonni, a S.Francesco, nasceva mia madre. In quello stesso anno il re Umberto I veniva ucciso da mano anarchica e saliva al trono Vittorio Emanuele III. Tuttavia erano anni di pace per l'Italia unita. A completare l'unità nazionale macavano però due tessere, Trento e Trieste. L'illuminazione elettrica inizia la sua storia nelle abitazioni. Mio padre aveva 9 anni. Era quinto di 11 fratelli. Nato a Maerne il 8/09/1891 da Angelo Scanferla e Filomena Granzo. Di mio nonno Angelo non posso avere ricordi poichè è deceduto a 45 anni. Faceva il calzolaio e il campanaro e, come suo padre, cantava nel coro parrocchiale. La nonna Filomena, la ricord una tipa sveglia, la faccia segnata da profonde rughe che accusavano una vita di fatiche. Nella pur breve vita di mio nonno ha avuto undici parti; la cura dei figli, degli animali da cortile, della casa, del campo e l'asma di cui soffriva, hanno …

Pensando

Immagine
Ieri sera ho pensato tanto. Ho pensato per massimi sistemi. Cosa che di solito evito...Ho una buona dose di preoccupazioni, e quindi per questo evito. Altrimenti mi deprimo. Non è bello essere depressi , e mi pare che la maniera migliore per non farlo sia proprio questa, almeno per ora.
Affrontare o cercare di farlo, gradualmente le cose, una per una e non pensarci troppo sopra. Ieri sera soprafatto dalle cose non sono riuscito a prendere le cose una per volta, e tornando in hotel ho dovuto e voluto mettere la musica al massimo e spegnere i pensieri. Mi ha molto rinfrancato, anche se da sola come cosa non è bastata. Ho dovuto allungare di qualche chilometro la strada. Mi ha fatto sentire meglio. Una volta entrato in hotel ho acceso il pc. Volevo scrivere qualcosa. E ho incominciato a raccontare la storia di nonno Gigi. Sottofondo musicale e...un trancio di pizza. Nel frattempo ho chiamato Carla, mia moglie, e abbiamo chiaccherato un pochino, lei ha subito capito il mio essere "div…

Dai primi anni dell '800 all'inizio del nuovo secolo

Immagine
In occasione di una delle tante cene famigliari, durante le festività natalizie, fù chiesto a nonno Luigi di dire qualche piccola parola riguardo ai ricordi della sua lunga vita (87 anni). Egli si alzò e raccontò una storia che poi ha ripetuto in più di un incontro, e che si ritrova anche in questa raccolta. Con mia grande sorpresa questa storia è un percorso preciso e indelebile attraverso un secolo e più, dell'incredibile racconto della vita umana. Nonno Luigi riesce, attraverso dialoghi e interazioni dal vivo a toccare tutti i temi che animano il cuore di chi legge.
Godetevi la storia. Lasciate che le parole scivolino nella vostra anima, e pensate, come direbbe nonno Luigi, con il cuore. Leggete questa storia: sarà come vivere in prima persona il percorso di un secolo.
Nonno Luigi racconta I (Rimbalzando con i ricordi nel tempo) I miei bisnonni, materni, Giovanni Lancerotti e Antonia Ballarin, nascono a Venezia nei primi decenni dell'800. Sono anni tristi. Napoleone ha ceduto …

Al ministro Brunetta

Immagine
Altro che "fannulloni" dedicato agli statali, egregio ministro. Per gli studenti ha scelto un termine ancora più simpatico: "Guerriglieri". Con questa sua "tipica" affermazione non ci vuole molto perchè le arrivi addosso una valanga di critiche dal mondo politico, da quello studentesco e perchè no, dalle forze di polizia. Spero proprio che, il ministro Gelmini, prenda le distanze da questa sua ennesima esternazione.
Additare genericamente come guerriglieri gli studenti, soffiando sul fuoco e fomentando gli animi è un atteggiamento irresponsabile dal quale nessun organo istituzionale può rendersi spettatore passivo. Ma non contento del vespaio sollevato ha avuto il coraggio, aprofittando delle telecamere di Sky per rincarare la dose dicendo che, tali studenti, non avevano neanche la dignità dei guerriglieri che sono una cosa seria. Apostrofandoli di essere quattro ragazzotti in cerca di sensazioni violente che non rappresentano nessuno e che fanno perdere t…

Vecchi ricordi

Immagine
Sono qui davanti al pc. Con il post bianco. Tutto da scrivere. E penso: abbiamo cicatrici in tanti posti impensabili, sono come mappe segrete delle storie personali, diagrammi di tutte le vecchie ferite. La maggior parte di esse guariscono lasciando solo i segni, ma alcune non guariscono, le portiamo con noi ovunque e, anche se si sono rimarginate da tempo, un pò di dolore ovviamente resta. Ma quali sono le peggiori ? Le nuove ferite che sono così dolorose o quelle vecchie che dovevano guarire e invece sono ancora li... ho smesso di chiedermelo.
Certo quelle vecchie ci insegnano qualcosa ci ricordano dove siamo arrivati e cosa abbiamo superato, ci danno lezioni su cosa evitare in futuro o perlomeno così dovrebbe essere, ed è questo che ci piace pensare. Ma non è sempre così, vero ???

Diritti alla vita: di chi ?

Immagine
L'epidemia legata all'Hiv continua ad uccidere milioni di persone. In Africa, dove l'Aids costituisce una delle cause di morte più importanti per donne e bambini, più che nel resto del mondo. Gli studi epidemiologici dimostrano con chiarezza, d'altra parte, che la diffusione della malattia avviene ormai quasi solo per via sessuale e il Papa se ne va in Africa a chiedere, a chi si occupa della salute degli africani, di interrompere la distribuzione dei preservativi perchè i prewservativi, dice, non servono a prevenire la diffusione della malattia e perchè quello di cui ci sarebbe bisogno, secondo lui, in queste popolazioni a rischio, sarebbe "il rinnovamento spirituale della sessualità". Trionfalmente ripresa dai media di tutto il mondo (su Sky Active chiunque può ascoltare questo discorso assurdo in qualsiasi momento) lo slogan per cui il preservativo è inutile (o dannoso) diventa uno spot in difesa del virus e del suo diritto a lla vita. Da un essere umano a…

Ricordi di casa

Immagine
Penso sia un argomento di unione in maniera simbiotica, il gusto al Ricordo di Casa, di Famiglia. Piatti fatti con amore nelle ricorrenze speciali. La portata preferita che troneggiava nella tavola del nostro compleanno. La Domenica o il giorno di festa che avevano una connotazione culinaria ben precisa.
Il piatto che, solo a ricordarlo ci mette di buon umore o ci riporta ad avvenimenti familiari o di situazioni ben precise. Il piatto "forte", quello con il quale i genitori sbaragliavano qualsiasi difesa o stupivano gli ospiti. I profumi del giorno di festa. Il gusto di un esame superato o di un pericolo scampato. Ma anche, più semplicemente la capacità di portare a tavola, con poco o pochissimo, non il cibo in se stesso, ma il senso di desco familiare e unione di affetti. Sono forse sensazioni perdute ?

Trecento gol

Immagine
Pippo Inzaghi gioca sempre come nel cortile. Domenica ha raggiunto quota trecento gol in carriera. Non mi viene alla mente, ora, ma penso che più di due assist in carriera non li abbia mai fatti, uno è persino troppo. Pippo è proprio così. E' come quei ragazzini che in cortile giocavano sempre davanti alla porta, che non tornano mai, che aspettano il pallone, lo stoppavano, si giravano e quando segnavano correvano da soli ad esultare. Inaghi è rimasto così una vita intera. Quando fà gol esulta come un ragazzino, sempre. Che sia una finale di Champions, che sia una partita di Coppa Italia, che sia un anonimo incontro di campionato. Lui ha un rapporto viscerale con la porta. Vive per metterci il pallone dentro. L'unica regola con cui ha dovuto fare i conti è stata quell'infamità del fuorigioco. Con lui ha litigato una vita intera. Sempre in linea coi difensori, è da quindici anni il terrore dei guardalinee. Lui sta sempre li, sul cnfine, con quella carica di adrenalina addos…

Il papa equivocato o equivoco ?

Immagine
Forse noi atei non devoti eravamo rimasti gli ultimi a credere, anzi a non credere, nel dogma della infallibilità pontificia. Fatto sta che è stato abbastanza scioccante sentire nei tg stralci del documento in cui Benedetto XVI interviene ancora una volta sulla vicenda dei vescovi paranazisti cui ha tolto la scomunica. Sostanzialmente il Papa lamenta di essere stato mal interpretato, come un Berlusconi qualsiasi. Comunque, la riamissione tra le braccia della Chiesa di negazionisti e altri destrorsi sarebbe stata solo un atto di carità cristiana e in nessun modo una concessione alle loro teorie. Il Papa, insomma, si sarebbe trovato, pure lui stritolato nel Girmi della comunicazione e costretto a precisazioni smentite. Ma quello che mi ha lasciato daverro di sasso è il passo in cui Benedetto XVI lamenta la guerra che gli verrebbe fatta da qualcuno dentro il Vaticano stesso. Caspita, stavolta il Papa parla come Veltroni. e' già un passo avanti.

Aiuto

Immagine
Aiuto ! Sabato c'è Ballando con le Stelle, domenica c'è Affari Tuoi, X Factor, Amici, Chi vuol essere milionario, Paperissima e il salotto terorizzante della Perego, lunedì c'è Affari Tuoi, La Ruota della Fortuna e il Grande Fratello, martedì c'è Amici e X Factor in contemporanea e poi Striscia la Notizia e Stranamore, mercoledì l'Eredità, giovedì è la serata di Scherzi a parte, ma ci tocca anche Festa italiana con la giuliva Balivo, venerdì non potevamo fare a meno dei Raccomandati di Pupo... e ci eravamo dimenticati La Fattoria, che è quel reality dove alcune tizie dai seni prorompenti si dovevano tuffare nel fango e poi far lavare da concorrenti maschi in stato di lieve appannamento della coscienza sessuale. Dopodichè la storia ricomincia... Tutti parlano del pluralismo dell'offerta. Quanti programmi di cinema ? Nessuno (quello di Marzullo non conta). Di arte ? Nessuno. Di jazz ? Nessuno. Di musica classica ? Nessuno. Di...? Ve lo dico io: nessuno.

Un pareggio che non serve a nulla

Immagine
Lumezzane-Venezia 0-0 Lega Pro 1^ Divisione Girone AFinisce 0-0 una partita che il Venezia doveva vincere. Gli arancioneroverdi non hanno saputo approfittare di un primo tempo fiacco da parte del Lumezzane e, nel secondo, hanno adirittura rischiato di perdere. Un misero punto che serve a ben poco anche se, interrompe una serie di un mese e mezzo di sconfitte. Ora il penultimo posto, ultimo utile per acciuffare i play-out, dista cinque lunghezze. Dobbiamo ringraziare i cugini di Padova che hanno rifilato, proprio alla penultima, la Sambenedettese, due pappine e li hanno rispediti a casa. Resta comunque un pò di amaro in bocca per la palla match sprecata all'ultimo minuto da Ibekwe. Colpo di testa ad una passo dalla porta, l'impatto è debole e la palla arriva senza colpo ferire nelle mani del portiere avversario. Ora, gli uomini di Serena, hanno due partite in casa e la sola cosa da fare è pensare di vincerle entrambe. Altra soluzione non c'è altrimenti prepariamoci tutti al…

Al Tappone

Immagine
Finiti i soldi ? Fame in famiglia ? Niente vacanze per quest'anno ? Papà è stato licenziato ? Lo sfratto vi toglie il sonno ? Purtroppo, in questo preciso momento il presidente non vi può ascoltare perchè sta aspettando una risposta che gli sta a cuore più di tante altre. Dovete sapere che a lui Palazzo Chigi è sempre andato un pò stretto: poche colonne, pochi stucchi dorati, poca grandiosità, niente di quel che gli piace di più e cioè quello stile neoclassico che prende una persona che ha improvvisamente salito a una maggore classe sociale e non ha ancora ottenuto l'accettazione sociale da parte di altri in questa categoria. Cosi, ha chiesto al Ministero dei Beni Culturali di poter trascinare in quell'avvilente monolocale di Palazzo Chigi quattro statue romane, strano: ha chiesto gli originali e non scintillanti repliche in poliuretano, attualmente depositate al Museo delle Terme di Diocleziano. Gliele vogliamo negare ? Intanto, a Palermo tre giovani italiani esuberanti h…

Campionato...dopo la batosta in Europa

Immagine
Canguri in retromarcia. Come nel 2002, non ci saranno italiane fra le otto qualificate per i quarti di Champions League. Il made in Italia pallonaro peggiora, ma la vita continua. L'Italia prova a consolarsi con le proprie rivalità da civiltà dei Comuni, in un paese dove il campionato conta moltissimo, forse persino più della Champion Leauge. Senza distrazioni europee e con undici partite da giocare (si chiude il 31 maggio), la Juve, con uomini ed energie contate, è convinta di poter minacciare l'Inter, avanti di sette punti. Il Milan, che ha dodici punti meno dell'Inter, gioca in difesa del terzo posto (cinque punti sulla quarta) che consente di arrivare in Champions, senza passare dal preliminare. La lotta più serrata è quella per il quarto posto (Champion attraverso un doppio preliminare) con tre squadre in un punto: Fiorentina (46), Roma e Genoa (45). Da qui al 31 maggio, chi vorrà, si guarderà la Champion degli altri e, a parte la perdita economica e di prestigio, la …

No Line On The Horizon

Immagine
Sono ancora nella mia stanza d'albergo a Bosisio Parini come ogni fine settimana. Questa sera ho fatto tardi per motivi che non stò ora a spiegarvi e, quindi, non sono passato a salutare mia moglie e Federico come al solito ma sono venuto diretto in hotel. Sono partito alle 19 circa da casa (Spinea - Ve) e durante il tragitto mi sono fermato in un autogrill a mangiare un panino. Con l'occasione, aggirandomi tra gli scaffali, ho notato l'ultimo lavoro degli U2 e l'ho acquistato. Ho avuto l'occasione, durante il percorso di ascoltarlo per ben due volte. Cosa dire ? Cosa era lecito aspettarci oggi, dagli U2. I quattro ex ragazzi d'Irlanda erano finiti nelle sabbie mobili di una crisi musicale, certo non di vendite, profonda: crisi d'identità, di ispirazione, crisi addirittura come musicisti. Grossi problemi di forma e sostanza, soprattutto dovuta al "leader maximo" che aveva rotto la coesione e l'essenza della band, creandosi un'immagine e un…

Dedicato a mia MOGLIE

Immagine
Ci ho pensato molto ieri sera ma, non trovavo il modo di esprimere quello che volevo dire e soprattutto quello che provo dentro al profondo del cuore. Tredici mesi possono sembrare niente eppure per me sono una eternità. Tredici mesi dove Tu ti sei profondamente dedicata a seguire nostro figlio Federico dopo il tragico 31 Gennaio 2008. Tredici mesi di speranze, gioie e dolori. Una forza fisica e interiore tenuta nascosta dentro ed esplosa in tutta la sua energia in questo doloroso fatto. Ancora una volta hai dato dimostrazione di essere il fulcro della nostra famiglia, di essere riuscita a prendere legna, tanta legna e accendere un fuoco così alto da trasmetterci un enorme calore. L'amore, penso, non è altro che prendere legna, e a poco a poco accendere un fuoco. Alimentarlo con altra legna fino a quando ti accorgi che non occorre più alimentarlo perchè resta acceso da solo. Tredici mesi, quasi sempre divisi, io nella nostra casa e Tu con Federico. I ritorni alla sera in una casa …

Al ministro Scajola

Immagine
Caspita signor "ministro" a suo dire le prossime centrali nucleari saranno una fonte di ricchezza Ne avevamo bisogno,con le centrali nucleari ce la faremo, basta aspettare e andremo anche in vacanza. Ma, dice ancora di più: occhio "ci sarà concorrenza tra i territori per essere scelti come siti di un nuovo impianto". E' probabile che si realizzi un'altra guerra tra poveri al grido "la voglio io la centrale nucleare". E' da lodare, signor "ministro" la sua generosità a lasciare spazio agli altri, avendo dichiarato indisponibile il giardino di casa sua, nell'eventualità, spero altissima, sia prescelto come sito nucleare baciato dalla fortuna. Il suo cuore è grande, grande così, lei la centrale nucleare non la vuole neanche vedere da lontano. Insomma statene certi non ce la porterà via. Uguale animo per quel che riguarda le scorie: alla domanda "le desidera sul suo frigo?", pare che lei abbia risposto; non voglio togliere…

44 anni...

Immagine
Maledetta Champions e maledetto mese di Marzo. Dal Liverpool al Manchester, si ripete la storia. Triste per l'Inter la "squadra più forte d'Italia" e fallimentare per il suo allenatore "special one", salutato dall'Old Trafford in festa che canta "bye bye Mourinho". La solita espressione di sfida e petto in fuori, la solita volontà di "provocare" uno stadio che lo accoglie con bordate di fischi, cori irripetibili e gesti poco amichevoli.
Ha affermato di aver finalmente capito che cosa serve per vincere in Europa e che ne parlerà con la società. Ma, lo stesso, non era stato ingaggiato da Moratti per vincere subito la Champions ? Ora chiede alla società di rinforzarsi ma era ormai da un bel pò di tempo che si era capito che l'Inter, a parte qualche giocatore, non era una squadra che potesse ambire di vincere la Champions. Per lo più con un girone disastroso di qualificazione che ha complicato maledettamente le cose, secondo posto e c…

Staminali, aspettando il mea culpa

Immagine
Fra 400 anni un Papa dirà che la Chiesa si era sbagliata a condannare la ricerca sulle staminali, ma che il suo errore era conforme alla cultura del tempo...

La democrazia del premier

Immagine
Un Parlamento in cui votano solo i capi-gruppo? La proposta avanzata dal presidente del Consiglio per snellire l'attività del Parlamento ha del surreale. La mia prima reazione non può che essere una domanda: che cosa faranno a questo punto gli altri parlamentari, tenendo conto che gli eletti in Italia sono uno squadrone di ben 945 deputati e senatori?
Non ci sono tempi certi per avere le leggi, lamenta il cavaliere. Ho proposto,quindi, dice, un sistema col quale "non ci sono sorprese". Si riconosca nel solo voto del capogruppo il voto di tutto quanto il gruppo che rappresenta. Sei persone, invece che 630, alla Camera. Ma c'è di più: la Costituzione italiana vieta ogni delega del voto da parte dei parlamentari, ciascuno dei quali rappresenta la nazione nel suo insieme e non il gruppo a cui appartiene, la lista in cui è stato eletto o la circoscrizione di riferimento. Che il Parlamento non possa essere ridotto ad un "votificio", che debba essere reso più funzio…

28 Marzo

Immagine
Si annuncia come il più grande evento di partecipazione sociale mai avvenuto. Grazie al web e al social network centinaia di migliaia di persone aderiscono e si impegnano a spegnere le luci per un'ora il 28 marzo. Organizzato dal Wwf per sensibilizzare contro il riscaldamento globale, l'evento punta a coinvolgere un miliardo di cittadini in tutto il mondo. Più di mille tra metropoli, città e piccoli centri spegneranno i loro monumenti più rappresentativi. Il 28 marzo l'ora della Terra attraverserà 25 fusi orari diversi dalle coste del Pacifico ai paesi delle coste atlantiche, mirando a contagiare un miliardo di persone con il click di un interruttore per una grande ola mondiale di buio.

Un altro abuso: il tetto agli stipendi

Immagine
Ultimamente leggiamo apprezzabili cronache dove si narra con entusiasmo di tanti esempi di fabbriche dove gli operai suddividono fra di loro i sacrifici, magari quelli derivanti dal regime di cassa integrazione. Con i previsti tagli ai già modesti salari. Un esempio di coesione sociale, di senso di responsabilità che fa a pugni con il diffondersi, in altri luoghi, di una specie di "si salvi chi può". Tutti ne scrivono compiaciuti. Nessuno parla però di chi gode di buste paga spesso molto elevate ma che si guarda bene dall'adottare criteri di solidarietà. E' c'è chi grida allo scandalo se si chiede di ottenere un contributo, appunto di solidarietà, da chi nella crisi naviga senza troppe angoscie economiche. Gli alti stipendiati insomma. C'era una volta, voluto dal governo di centrosinistra quello (ricordate?) guidato da Romano Prodi, un tetto assegnato agli stipendi dei dirigenti pubblici. Era stato infatti fissato un massimo di 289,984 euro lordi l'anno. …

Promette Silvio ? Ahi, Ahi, Ahi

Immagine
Mentre si riannuncia il ponte sullo stretto per me, non necessario, e ricompaiono sui giornali i disegnini delle campate per aria, Berlusconi dice no all'assegno di disoccupazione, sostenendo che sarebbe un incitamento al licenziamento e al lavoro nero. Un pò come dire che non si và più all'ospedale perchè sarebbe un incitamento alle malattie e all'ozio. O come sostenere che non vale la pena far soprravvivere i disoccupati, esponendoli così alla prossima crisi. Insoma, le ragioni del premier per dire no alla solidarietà sono tante e tutte false. Come false sono state le sue promosse (e quelle di Tremonti) ai cittadini in possesso di azioni Alitalia, a cui giurarono che non avrebbero perso un euro. Parol che ho riascoltato a Mi Manda Rai3: partecipavano i dipendenti che hanno perso il lavoro e pure i risparmi, avendoli investiti per la copagnia di bandiera. Si può dire che, con i lori soldi, abbiano portato al fallimento Alitalia e al lavoro sporco Berlusconi.

Ho casualmente incontrato un alieno inviato sulla Terra

Immagine
E' tutto il giorno che ci penso. L'ho scritto su vari foglietti di carta, anche su fazzolettini di carta. Appena mi veniva alla mente qualcosa, stop, e scrivevo. Ora lo riporto fedelmente, anche con un pò di timore...perchè mi piace. Scusatemi ma...stavolta mi piace.
Metti che un marziano, un giorno, si incammini per una nostra città, dovendo riferire ai suoi capi, in una galassia lontana, degli usi degli indigeni in questa provincia della Via Lattea. Lo straniero si avvia per le strade della prima mattina, tra il traffico e gli autobus affollati, e frettolosi passanti con il giornale sottobraccio. Niente di strano, pensa il marziano, anche sul suo pianeta si va di fretta, a quell'ora. Bambini assonnati con lo zaino in spalla trascinati da genitori in ritardo. Cani ipernutriti strattonati col guinzaglio da padroni impazienti. Anche da noi va così, sorride fra sè lo straniero, tutto l'Universo è paese. E va a bersi un caffè al bar. Nel locale la radio è a tutto volume. Bo…

Parlando con Federico

Immagine
Ore 21 e 15. Sono seduto davanti al mio pc portatile nella stanza d'albergo, a Bosisio Parini, che mi ospita il fine settimana quando mi reco al centro E. Medea (La Nostra Famiglia) dove è ospite mio figlio Federico, dal 26 Gennaio '09, per il servizio di riabilitazione dopo l'incidente del Gennaio dell'anno scorso. So che sarà difficile ma, proverò a trasmettervi, le emozioni e le paure di un ragazzo di 24 anni rimasto non vedente.
Lo sai secondo la "nuova classificazione internazionale del funzionamento della salute e della disabilità" la parola handicap non sarà più utilizzata perche ha connotazione negativa. Che ne pensi ? Deficit, menomazioni, disabilità, handicap alla fine è tutto un gioco di parole intorno alla persona che non è capace di essere o di fare secondo la norma. Le definizioni in genere sono noiose però molto importanti perchè attraverso esse si classificano le persone mettendole in categorie ben precise; inoltre attraverso le definizioni si …

Realtà

Immagine
A volte ci sorprende Ci prende alle spalle La realtà Quando scopriamo che... La verità Il senso della vita Passa senza rumore Dagli occhi alla coscienza... Del dolore Errebi

La vera democrazia

Immagine
Dopo un lungo e democratico dibattito fra sondaggisti, il Pdl ha infine deciso le modalità con cui, a fine mese, sceglierà il suo leader fra Silvio e Berlusconi. Niente acclamazioni con petardi e putipù, scartata anche la genuflessione, causa problemi tecnici (itailleur delle delegate). Si procederà per alzata di mano: vietato usarne più di tre a testa, e questo per scoraggiare il mercato delle protesi. Rimango basito per il profilo della scelta adottata. La "ola" avrebbe garantito una resa assai migliore al telegiornale della sera di Emilio Fede. A malincuore si è ammainata l'ipotesi dell'incoronazione nella cappella di Arcore, restava l'ipotesi di un karaoke sulle note del tormentone festivaliero di Arisa: "Silvio pascià è un elemento imprescindibile per una coalizione stabile che punti all'eternità". Pare però sia stata bocciata dall'unica forma di democrazia ancora concessa alle masse: il televoto...

Immagini ed emozioni

Immagine
Il mare d'inverno... Il volo di un gabbiano... Il battito della pioggia sul viso... Gli occhi tristi di chi è solo... Il pianto di un bambino al buio... Il ricordo di un dolore... La fiamma di una candela al vento... Un barbone che dorme sotto un cartone... La vita stesa su un letto d'ospedale... La foto ingiallita dei compagni di scuola... Un fuoco di notte in riva al mare... Come una lampada accesa... In fondo al cuore Errebi

Torna Prince

Immagine
Col piccolo Prince non si può mai star tranquilli. Nè, tantomeno, indovinarne le mosse. E così, dopo aver cambiato nome una mezza dozzina di volte e aver messo a soqquadro il mondo della discografia ufficiale, eccolo tornare con l'ennesima provocazione. In tempi di vacche magre sfornerà addirittura un triplo cd, in uscita il 29 marzo: e fin quì, niente di clamoroso, trattandosi di Prince, talento prolifico ed esuberante. Più curiosa la modalità di distribuzione: il musicista ha stretto un accordo con una grossa catenaamericana di negozi che venderà in esclusiva il box al prezzo concorrenziale di 11.98 dollari. Non solo negozi di dischi tradizionali, insomma, ma altre forme di distribuzione (anche non strettamente legate alla musica) prenderanno sempre più piede. In questo senso, la scelta del genietto di Minneapolis non stupisce, vista la sua annosa lotta contro le case discografiche, la sempeterna voglia di indipendenza e la costante ricerca di nuovi mezzi di comunicazione. Non d…

Mestre, il ritorno degli anni beat

Immagine
Per chì è della città ed è un pò più avanti con gli anni tutto cominciò in piazza Ferretto. E non poteva essere altrimenti, perchè i ragazzi allora, lì andavano a passeggiare i loro fine pomeriggio, passeggiando su e giù da "Fontanella", il bar gelateria che era all'inizio dei portici dalla parte del duomo, fino alla torre dell'orologio. Oppure, specie d'inverno, riunendosi attorno ad un tavolo del "Buso", da "Scarpon" o "alla Vida". Non era sicuramente la piazza di oggi, rinnovata e pedonalizzata. Era la piazza Ferretto aperta a tutto il traffico possibile, auto, moto, camion, autobus e vecchie filovie. La piazza dei primi anni '60, delle prime contestazioni giovanili, delle idee in ebollizione, del confronto e della voglia di novità e cambiamento. Fù una dirompente ventata di musica nuova in arrivo dall'Inghilterra e dagli USA, a spingere verso il cambiamento. Era la musica dei Beatles, Rolling Stones, Animals, Beach Boys, …

Mourinho lo Sgarbi quotidiani

Immagine
Dipende da quello che sei. Se sei un tifoso interista, da ieri stai lì, torace al vento, che esulti nei blog e nei bar, che saluti il tuo nuovo messia al motto di "siamo uomini o caporali", inneggiando al metallo puro di cui sarebbero fatti i suoi attributi. Diverso, molto diverso, se sei un tifoso di Juventus, Milan o Roma, soprattutto se sei il loro allenatore. Smaltito lo stupore e poi l'attacco di bile, inevitabile darsi al libero sfogo di fantasie confessabili, del tipo come deformare quel faccino simmetrico da stereotipo cinematografico, meglio ancora sarebbe bastonarlo sui denti, secondo il noto auspicio di un dirigente del Catania, qualche tempo fa pure lui trafitto dalla parola assassina dello Zorro di Setubal. Certo è che il suo show di ieri in conferenza stampa, con la scusa della coppa Italia, sette minuti sette, gettonatissimi in decine di siti on line, ha ufficialmente aperto anche nel calcio l'era dello sgarbismo, ovvero la malattia infantile del super…

La lezione del professor G.

Immagine
Strano paese l'Italia. Ormai a dire qualcosa di sinistra è la destra. La volontà di consegnare Giorgio Gaber all'eternità dei libri di testo, non può che essere condivisa. Poi però si tratta di capire perchè, ad averci pensato, sia la destra e non la sinistra. Perfino nel settantennale della sua nascita, le attenzioni celebrative della "intelligenza" di sinistra sono state totalmente rivolte a Fabrizio De Andrè. Anche De Andrè era un artista scomodo, Gaber era spietato, innamorato del dubbio, affascinato dalla provocazione. Non a caso, negli ultimi anni, la sinistra lo aveva dimenticato. Lui arrivò a mettere in discussione la sinistra: "Non sono più compagno ne femministaiolo militante, io sono diverso e certamente solo,quando è merda è merda, non ha importanza la specificazione". Conoscere Gaber non è facile. A volte scriveva apposta per non piacere, bravo come nessuno a... .
Enorme e implacabile, anzitutto sul palco. Che riempiva. Nonostante la malattia, s…

Proposta

Immagine
Proposta di legge del Pd per il sussidio ai disoccupati. Berlusconi, con una conferenza stampa da Bruxelles dice no. Quello di Berlusconi non è un no al Pd è un no sbattuto in faccia alle centinaia di migliaia di persone che hanno perso il posto di lavoro. Una proposta di legge che il Pd presenterà in Parlasmento con l'obiettivo di mettere sotto i riflettori temi decisivi che finora il governo è riuscito a mettere in ombra, cioè le reali previsioni sugli effetti della crisi sui posti di lavoro e il modo di sostenere attraverso gli ammortizzatori sociali cassaintegrati e lavoratori a progetto. "Noi quel no è come non l'avessimo sentito.Berlusconi deve venire in Parlamento a dire alla sua maggioranza di votare contro il provvedimento che noi proponiamo" Così il segretario del Pd incalza il presidente del Consiglio. L'idea è comunque ottima. Il problema è come si realizza. Forse servirebbe una grande operazione di redistribuzione del reddito, alla Obama; tassa patri…