Passa ai contenuti principali

Un anno

Non l'avevo sentito quel giorno, non l'avevo nemmeno salutato al risveglio di mattina buon'ora. Era un giorno come tanti altri con i soliti tran-tran, il lavoro, il pranzo con i colleghi, i contatti con i clienti ma...una sera completamente diversa, una delle tante telefonate, solite telefonate che....ti cambia la vita ! Maledetta suoneria, al di là una voce tranquilla prima della tempesta : " Renato, sono Carla, Federico ha fatto un incidente con la moto, non è niente di grave, tranquillo, arriva quando puoi ". Ed invece...il proprio figlio appeso da un filo tra la vita e la morte. " Poche speranze, grave situazione, dicono i medici "
" Probabilmente non ce la farà " " E se ce la farà...meglio morto ! " Quasi tutta la notte all'ospedale e...non ricordare che poco o nulla." Andiamo a riposare, vi accompagnamo noi e restiamo con voi " dice mio cognato. Mi ritrovo al mattino, ancora senza rendermi conto, e torno all'ospedale ma, mi manca il coraggio per vederlo, ricordarlo vivo è il mio pensiero. No mi dico non può essere che Federico mi lasci, c'è ancora tanto tempo da restare insieme. E lui è dietro quel monitor dalla sala d'aspetto della rianimazione, con la sua mamma e la sua splendida ragazza, due donne...coraggio ! E sempre da quel monitor lo osservo e piango fino...trovo il coraggio e a fianco del letto gli prendo la mano e gli dico :
" Ciao Federico sono il papà ! " E lui, adesso, è ancora quì.

Commenti

  1. Piter10:32

    Ciao vecchio sono piter. E' passato un anno, lunghissimo... E ci ritroviamo un anno più vecchi ma è come se ne fossero passati un infinità. Direi proprio che per te e carla è stato l'anno più lungo della vostra vita... Siete forti tutti e tre, la vostra è voglia di vivere, quella vera. E Fede è una roccia e non si sgretola e voi gli date la forza per crederci, nonostante tutte le difficoltà. Siete dei grandi tutti e tre, vi voglio bene... Un abbraccio

    RispondiElimina
  2. Raggio di Sole11:50

    Ciao Renato...Sei un grande,mi ricordo spesso tutti i nostri viaggi dall'ospedale a casa a delle ore indecenti e anche se colmi di dolore riuscivamo comunque a farci due risate e a sdrammatizzare,raccontandoci cose assurde sul passato di fede...Anche se siamo arrivati a volerci così bene grazie a una cosa così brutta,io ti voglio un bene infinito e ringrazio fede x aver fatto in modo di legarci così....Fede è il migliore e lo resterà sempre,com'era e com'è...Vi sono sempre vicina e vi penso sempre anche se da lontano...Siete una famiglia meravigliosa e mi sento lusingata di averne fatto parte,come hai detto tu,anche se per poco tempo....Vi adoro....Lauretta o Raggio di Sole

    RispondiElimina
  3. Un anno, difficile, doloroso, pieno di momenti bui e anche di tanti spiragli di luce.
    Un anno che ha tirato fuori il vostro coraggio, la vostra immensa voglia di vincere!
    E ora la strada è solo in salita...
    una bacio enorme a tutti voi
    giuliana

    RispondiElimina
  4. VI RINGRAZIO DI CUORE PER LE VOSTRE DIMOSTRAZIONI DI AFFETTO. CREDETEMI QUELLO CHE HO SCRITTO L'HO SCRITTO CON LE LACRIME AGLI OCCHI E CON IL DOLORE NEL CUORE. NON E' FACILE ABITUARSI ALL'IDEA CHE FEDERICO... MA LUI RESTERA' SEMPRE ED UNICAMENTE FEDERICO IN QUALUNQUE MODO E IN QUALUNQUE TEMPO. RESTA ANCORA, SPERO, DEL PERCORSO DA FARE, MA QUALSIASI SARA' IL RISULTATO IO E LA CARLA SAREMO SEMPRE CON LUI FINO A QUANDO IL NOSTRO TEMPO NON SARA' TERMINATO POI...

    RispondiElimina

Posta un commento

Post popolari in questo blog

Sei un fiume forte, non ti perderai

[…] mi viene solo in mente quella storia dei fiumi, […] e al fatto che si son messi lì a studiarli perché giustamente non gli tornava 'sta storia che un fiume, dovendo arrivare al mare, ci metteva tutto quel tempo, cioè scelga, deliberatamente, di fare un sacco di curve, invece di puntare dritto allo scopo, […] c'è qualcosa di assurdo in tutte quelle curve, e così si sono messi a studiare la faccenda e quello che hanno scoperto alla fine, c'è da non crederci, è che qualsiasi fiume, […], prima di arrivare al mare fa esattamente una strada tre volte più lunga di quella che farebbe se andasse diritto, sbalorditivo, se ci pensi, ci mette tre volte tanto quello che sarebbe necessario, e tutto a furia di curve, appunto, solo con questo stratagemma delle curve, […] è quello che hanno scoperto con scientifica sicurezza a forza di studiare i fiumi, tutti i fiumi, hanno scoperto che non sono matti, è la loro natura di fiumi che li obbliga a quel girovagare continuo, e perfino esatto…

dal libro "Marcovaldo"

"Papà" dissero i bambini, "le mucche sono come i tram? Fanno le fermate? Dov'è il capolinea delle mucche?"
"Niente a che fare coi tram" spiegò Marcovaldo, "vanno in montagna."
"Si mettono gli sci?" chiese Pietruccio.
"Vanno al pascolo a mangiare l'erba."
"E non gli fanno la multa se sciupano i prati?" Italo Calvino

A Napoli

Troppa folla, troppo disordine, troppo rumore. Non pioveva, ma le strade erano bagnate e umide peggio che in campagna, e dappertutto bucce e cartacce, semi di zucca, scheletrini di pesci, valve di cozze, banchi di pizzaiuoli di paste cresciute esposte alla polvere in un acre fetor d'olio fritto. Domenico Rea