Un anno

Non l'avevo sentito quel giorno, non l'avevo nemmeno salutato al risveglio di mattina buon'ora. Era un giorno come tanti altri con i soliti tran-tran, il lavoro, il pranzo con i colleghi, i contatti con i clienti ma...una sera completamente diversa, una delle tante telefonate, solite telefonate che....ti cambia la vita ! Maledetta suoneria, al di là una voce tranquilla prima della tempesta : " Renato, sono Carla, Federico ha fatto un incidente con la moto, non è niente di grave, tranquillo, arriva quando puoi ". Ed invece...il proprio figlio appeso da un filo tra la vita e la morte. " Poche speranze, grave situazione, dicono i medici "
" Probabilmente non ce la farà " " E se ce la farà...meglio morto ! " Quasi tutta la notte all'ospedale e...non ricordare che poco o nulla." Andiamo a riposare, vi accompagnamo noi e restiamo con voi " dice mio cognato. Mi ritrovo al mattino, ancora senza rendermi conto, e torno all'ospedale ma, mi manca il coraggio per vederlo, ricordarlo vivo è il mio pensiero. No mi dico non può essere che Federico mi lasci, c'è ancora tanto tempo da restare insieme. E lui è dietro quel monitor dalla sala d'aspetto della rianimazione, con la sua mamma e la sua splendida ragazza, due donne...coraggio ! E sempre da quel monitor lo osservo e piango fino...trovo il coraggio e a fianco del letto gli prendo la mano e gli dico :
" Ciao Federico sono il papà ! " E lui, adesso, è ancora quì.

Commenti

  1. Piter10:32

    Ciao vecchio sono piter. E' passato un anno, lunghissimo... E ci ritroviamo un anno più vecchi ma è come se ne fossero passati un infinità. Direi proprio che per te e carla è stato l'anno più lungo della vostra vita... Siete forti tutti e tre, la vostra è voglia di vivere, quella vera. E Fede è una roccia e non si sgretola e voi gli date la forza per crederci, nonostante tutte le difficoltà. Siete dei grandi tutti e tre, vi voglio bene... Un abbraccio

    RispondiElimina
  2. Raggio di Sole11:50

    Ciao Renato...Sei un grande,mi ricordo spesso tutti i nostri viaggi dall'ospedale a casa a delle ore indecenti e anche se colmi di dolore riuscivamo comunque a farci due risate e a sdrammatizzare,raccontandoci cose assurde sul passato di fede...Anche se siamo arrivati a volerci così bene grazie a una cosa così brutta,io ti voglio un bene infinito e ringrazio fede x aver fatto in modo di legarci così....Fede è il migliore e lo resterà sempre,com'era e com'è...Vi sono sempre vicina e vi penso sempre anche se da lontano...Siete una famiglia meravigliosa e mi sento lusingata di averne fatto parte,come hai detto tu,anche se per poco tempo....Vi adoro....Lauretta o Raggio di Sole

    RispondiElimina
  3. Un anno, difficile, doloroso, pieno di momenti bui e anche di tanti spiragli di luce.
    Un anno che ha tirato fuori il vostro coraggio, la vostra immensa voglia di vincere!
    E ora la strada è solo in salita...
    una bacio enorme a tutti voi
    giuliana

    RispondiElimina
  4. VI RINGRAZIO DI CUORE PER LE VOSTRE DIMOSTRAZIONI DI AFFETTO. CREDETEMI QUELLO CHE HO SCRITTO L'HO SCRITTO CON LE LACRIME AGLI OCCHI E CON IL DOLORE NEL CUORE. NON E' FACILE ABITUARSI ALL'IDEA CHE FEDERICO... MA LUI RESTERA' SEMPRE ED UNICAMENTE FEDERICO IN QUALUNQUE MODO E IN QUALUNQUE TEMPO. RESTA ANCORA, SPERO, DEL PERCORSO DA FARE, MA QUALSIASI SARA' IL RISULTATO IO E LA CARLA SAREMO SEMPRE CON LUI FINO A QUANDO IL NOSTRO TEMPO NON SARA' TERMINATO POI...

    RispondiElimina

Posta un commento

Post popolari in questo blog

Sei un fiume forte, non ti perderai