Passa ai contenuti principali

Il giorno della memoria...con un giorno di ritardo

"Se questo è un uomo", fù scritto da Primo Levi "per agitarci, per metterci in tensione, per farci riflettere, per impederci di credere alla tranquillizzante menzogna per cui Auschwitz è stato un caso diabolico ma isolato. Per sua e nostra sfortuna, la storia di questi ultimi anni, si è incaricata di dargli ragione".
Ed è proprio da qui che dobbiamo partire, credo, per dare il suo senso autentico alla celebrazione di un giorno della memoria. Riflettendo sulla solitudine dell'uomo che si portava dietro il fardello angoscioso di una testimonianza mai compresa fino in fondo perchè è nel momento in cui Primo Levi pensa di aver "testimoniato" inutilmente che l'idea del suicidio si fa strada nella sua mente. Ricordarlo nel giorno della memoria è un modo di cogliere insieme il significato reale e simbolico della tragedia vissuta dal popolo ebraico. Riflettendo sugli orrori che si collegano a tutte le discriminazioni e sull'idea per cui è l'insegnamento della Shoah quello che permette di guardare con altri occhi, oggi, alle vittime di Gaza o agli emigranti di Lampedusa.
(Errebi scritto e pensato 27-01-2009)

Commenti

Post popolari in questo blog

Sei un fiume forte, non ti perderai

[…] mi viene solo in mente quella storia dei fiumi, […] e al fatto che si son messi lì a studiarli perché giustamente non gli tornava 'sta storia che un fiume, dovendo arrivare al mare, ci metteva tutto quel tempo, cioè scelga, deliberatamente, di fare un sacco di curve, invece di puntare dritto allo scopo, […] c'è qualcosa di assurdo in tutte quelle curve, e così si sono messi a studiare la faccenda e quello che hanno scoperto alla fine, c'è da non crederci, è che qualsiasi fiume, […], prima di arrivare al mare fa esattamente una strada tre volte più lunga di quella che farebbe se andasse diritto, sbalorditivo, se ci pensi, ci mette tre volte tanto quello che sarebbe necessario, e tutto a furia di curve, appunto, solo con questo stratagemma delle curve, […] è quello che hanno scoperto con scientifica sicurezza a forza di studiare i fiumi, tutti i fiumi, hanno scoperto che non sono matti, è la loro natura di fiumi che li obbliga a quel girovagare continuo, e perfino esatto…

The Libertines