Riflessioni di fine anno

Manca poco alla fine del 2008. Eccomi quà un altro anno è passato, un anno di pensieri e di un tragico evento. Un anno che difficilmente riuscirò a cancellare dalla mia memoria. Ebbene mi sembra ieri, quella sera del 31 Gennaio, quando squillò il cellulare e mi cadde il mondo addosso. Invece è già arrivato il 2009.
Pensandoci un attimo, però, mi prende un crampo allo stomaco e mentre mi ritrovo a scrivere questo testo da solo davanti alla tastiera del pc inizio a riflettere.
Mio figlio Federico, per fortuna, è ancora vivo e penso quanto poco tempo ho mai dedicato a lui ; mia moglie Carla sempre di corsa e penso quanto poco l'ho aiutata ; il lavoro che mi porta via tutta la giornata e mi rendo conto di lasciare il poco tempo che resta troppo a me stesso.
E' per questo che il 2009 deve essere un anno di ricostruzione con tante novità positive.
Faccio gli auguri, permettetemi, a mio figlio Federico che ha ritrovato il suo papà ; a mia moglie Carla che faccio sempre arrabbiare ma, a cui voglio un bene dell'anima ; ai miei amici che devo solo ringraziare ; a tutte le persone che ci sono state vicine e che ci hanno dato il loro aiuto e sostegno. Ma soprattutto e comunque alla "Forza della vita" che a dato a Federico la volontà, quando la speranza non bastava più, di sfidare la morte.
Auguri anche a tutti voi che in quest'anno avete visitato questo blog il mio piccolo sistema solare dentro l'universo immenso della rete, sperando di ritrovarci anche nel 2009...
Auguri, molti, di cuore da Errebi, Federico e Carla

Commenti

  1. el super19:29

    ...ormai il 2008 è passato ( per fortuna!!!) e ora dobbiamo solo percorrere il più serenamente possibile questi nuovi giorni del 2009...Non guardare al tempo passato...ma a quello che verrà e se ti sei accorto che il tempo va ridistribuito meglio...RIMEDIA!!!... con affetto un bacio e un augurio a tutti voi per un 2009 sereno

    RispondiElimina
  2. EL Super mi ricorda qualcosa. Il 2009 spero regali a tutti qualcosa di buono ma soprattutto la tranquillità e la serenità che il 2008 non ha certamente donato.

    RispondiElimina

Posta un commento