Salvataggio dei blog

Tra gli internisti c'è fermento. A non dormire sonni tranquilli in particolare sono tutti i detentori di blog. Ci sono in vista interventi legislativi per regolamentarne l'utilizzo. Ci ha pensato Roberto Cassinelli, deputato del Popolo della Libertà e quindi dell'attuale maggioranza, a depositare alla Camera qualche giorno fa una nuova proposta di legge che nelle intenzioni si presenta come una sorta di salvablog. Nel progetto di legge Cassinelli afferma che, a grandi linee, a chi utilizza il blog per esprimere proprie idee, a livello amatoriale e senza scopi di lucro, debba essere concesso di continuare a utilizzare la Rete in piena libertà, come avvenuto finora. Tutte le relatà che invece in qualche modo si presentano come surrogati di attività editoriale, in quanto traggono dei benefici economici dalla loro attività, debbano essere sottoposte ad una norma più restrittiva. E' paradossale comunque questo fermento, leggendo bene la Costituzione, con l'articolo 21, e una più corretta interpretazione della legge 62 del 2001, già basta e avanza per regolare il mondo dei blog. Semmai il tema introduce una questione di principio. Si tratta di capire quanto il mondo della politica sia davvero pronto ad accettare la piena libertà di espressione. Un diritto, badate bene, da sempre sancito, ma in passato mai realmente utilizzabile dal singolo cittadino. Oggi Internet permette tutto ciò e sembra che il potere sia rimasto spiazzato da questa nuova opportunità, e sia alla continua ricerca di un modo, più o meno soft, per imbavagliare la Rete.

Commenti

Post popolari in questo blog

Sei un fiume forte, non ti perderai