Passa ai contenuti principali

E' tutto sbagliato, è tutto da rifare : Venezia sempre più giù

Legnano-Venezia 2 a 1 Lega Pro 1^Divisione
Devo purtroppo ricredermi ma, questa squadra non ha nè il carattere, nè la struttura tecnica per fare un campionato di 1^ Divisione senza dover soffrire fino all'ultima giornata. Tralascio le formazioni e la cronaca della partita per entrare in una disamina della stessa dove gli arancioneroverdi confermamo tutti i loro limiti. Questa volta non basta nemmeno un super Aprea a salvare il Venezia dal secondo tracollo consecutivo, il terzo in cinque partite nelle quali sono stati conquistati appena due punti. La squadra si è resa interprete a Legnano di una prestazione al di sotto di ogni aspettativa e di qualsiasi comprensione: ha dormito per 45' per poi subire la grinta dell'avversario, illudersi di un pareggio e cedere a tempo abbondantemente scaduto dopo essere stata fatta oggetto di un vero tiro a segno.
Purtroppo la realtà, giornata dopo giornata, si sta rivelando ben differente e particolarmante amara da come si pensava all'avvio di torneo. Il gioco il Venezia non riesce non solamente ad imporlo ma nemmeno ad organizzarlo e subisce sistematicamente la maggior aggressività di avversari che, alla ricerca della vetta o di togliersi dai bassifondi della graduatoria, riescono sempre a sfoderare prestazioni eccellenti prima di tutto sotto l'aspetto caratteriale.
A Legnano è stata una vera e propria disfatta sotto tutti gli aspetti, che mette in seria difficoltà il Venezia atteso da un delicato match domenica al Penzo con la Spal, al rientro dalla doppia trasferta. Una situazione davvero difficile che ha bisogno di essere sbloccata al più presto: maggior grinta e determinazione sono il minimoper una formazione che sta iniziando a mostrare i propri limiti qualitatitvi e di età.
Di questo passo la 2^ Divisione è dietro l'angolo, il campionato corre e la classifica no !

Commenti

Post popolari in questo blog

Sei un fiume forte, non ti perderai

[…] mi viene solo in mente quella storia dei fiumi, […] e al fatto che si son messi lì a studiarli perché giustamente non gli tornava 'sta storia che un fiume, dovendo arrivare al mare, ci metteva tutto quel tempo, cioè scelga, deliberatamente, di fare un sacco di curve, invece di puntare dritto allo scopo, […] c'è qualcosa di assurdo in tutte quelle curve, e così si sono messi a studiare la faccenda e quello che hanno scoperto alla fine, c'è da non crederci, è che qualsiasi fiume, […], prima di arrivare al mare fa esattamente una strada tre volte più lunga di quella che farebbe se andasse diritto, sbalorditivo, se ci pensi, ci mette tre volte tanto quello che sarebbe necessario, e tutto a furia di curve, appunto, solo con questo stratagemma delle curve, […] è quello che hanno scoperto con scientifica sicurezza a forza di studiare i fiumi, tutti i fiumi, hanno scoperto che non sono matti, è la loro natura di fiumi che li obbliga a quel girovagare continuo, e perfino esatto…

dal libro "Marcovaldo"

"Papà" dissero i bambini, "le mucche sono come i tram? Fanno le fermate? Dov'è il capolinea delle mucche?"
"Niente a che fare coi tram" spiegò Marcovaldo, "vanno in montagna."
"Si mettono gli sci?" chiese Pietruccio.
"Vanno al pascolo a mangiare l'erba."
"E non gli fanno la multa se sciupano i prati?" Italo Calvino

A Napoli

Troppa folla, troppo disordine, troppo rumore. Non pioveva, ma le strade erano bagnate e umide peggio che in campagna, e dappertutto bucce e cartacce, semi di zucca, scheletrini di pesci, valve di cozze, banchi di pizzaiuoli di paste cresciute esposte alla polvere in un acre fetor d'olio fritto. Domenico Rea