Passa ai contenuti principali

Ai miei amici, grazie di tutto

Come una molatov il mio cuore,
se si rompe sprigiona amore,
immezzo al buio costante, un raggio di sole,
che non può bruciare, anche se ti scalda,
non sai come andrà,saranno nuovi passi sulla sabbia,
ricorda che se cadi nulla ti farà tornare cosciente,
ogni donna se ne va, l'amico resta per sempre.
Brilli

Commenti

  1. Anonimo11:49

    La prendo un pò sul personale....ogni donna se ne va,è vero...ma la donna resta amica......Raggio di sole

    RispondiElimina
  2. Anonimo12:18

    in amore le mezze misure non esistono..e l' amicizia neanche...saretta

    RispondiElimina
  3. Anonimo14:29

    Penso di aver capito chi ha lasciato quel messaggio piuttosto triste... e devo dire che ha una non indifferente coda di paglia! E poi per piacere anonima ,ma non troppo, risparmiati certi interventi, perché nè Renato ne tutti i frequentatori del blog hanno bisogno di tristezza... E poi non te l'ha deto il dottore di scrivere. Ciao Renato è un articolo molto toccante, sei un poeta del cuore ti voglio bene!

    RispondiElimina
  4. Anonimo14:33

    Ah scua dimenticavo! sono Piter, giusto perché non ho la coda di paglia come colei che ha scritto il primo commento del quale, ripeto, non ce n'è bisogno!

    RispondiElimina
  5. Per raggio di sole : Non ti ho inserita nella foto perchè non sei venuta molto bene sulle altre e........ comunque la citazione non era a te rivolta. Ciao

    RispondiElimina
  6. Per Saretta : Forse hai frainteso la frase. Non era rivolta assolutamente a nessuno, anzi, non posso che essere fiero di definirmi un suo secondo papa .

    RispondiElimina
  7. Per Piter : Raggio di Sole non c'entra nulla con questa poesia, anzi, forse mi hai frainteso non voleva avere alcun riferimento.

    RispondiElimina
  8. Anonimo17:52

    Pider come al solito non pensi prima esprimerti...intanto non sono anonima,xkè renato sa bene chi sono,poi non sai che io e renato abbiamo un bel rapporto e se me la fossi presa non avrei mai scritto una cosa del genere...quindi pider ogni tanto stai al tuo posto e tieni la bocca chiusa...LAURA

    RispondiElimina
  9. Anonimo20:41

    .....Forza Fede!ti voglio bene!Marco

    RispondiElimina

Posta un commento

Post popolari in questo blog

Sei un fiume forte, non ti perderai

[…] mi viene solo in mente quella storia dei fiumi, […] e al fatto che si son messi lì a studiarli perché giustamente non gli tornava 'sta storia che un fiume, dovendo arrivare al mare, ci metteva tutto quel tempo, cioè scelga, deliberatamente, di fare un sacco di curve, invece di puntare dritto allo scopo, […] c'è qualcosa di assurdo in tutte quelle curve, e così si sono messi a studiare la faccenda e quello che hanno scoperto alla fine, c'è da non crederci, è che qualsiasi fiume, […], prima di arrivare al mare fa esattamente una strada tre volte più lunga di quella che farebbe se andasse diritto, sbalorditivo, se ci pensi, ci mette tre volte tanto quello che sarebbe necessario, e tutto a furia di curve, appunto, solo con questo stratagemma delle curve, […] è quello che hanno scoperto con scientifica sicurezza a forza di studiare i fiumi, tutti i fiumi, hanno scoperto che non sono matti, è la loro natura di fiumi che li obbliga a quel girovagare continuo, e perfino esatto…

dal libro "Marcovaldo"

"Papà" dissero i bambini, "le mucche sono come i tram? Fanno le fermate? Dov'è il capolinea delle mucche?"
"Niente a che fare coi tram" spiegò Marcovaldo, "vanno in montagna."
"Si mettono gli sci?" chiese Pietruccio.
"Vanno al pascolo a mangiare l'erba."
"E non gli fanno la multa se sciupano i prati?" Italo Calvino

A Napoli

Troppa folla, troppo disordine, troppo rumore. Non pioveva, ma le strade erano bagnate e umide peggio che in campagna, e dappertutto bucce e cartacce, semi di zucca, scheletrini di pesci, valve di cozze, banchi di pizzaiuoli di paste cresciute esposte alla polvere in un acre fetor d'olio fritto. Domenico Rea