Passa ai contenuti principali

Abbiamo toccato il fondo

Lega Pro 1^ Divisione - Girone A -
Pergocrema - Venezia 1-0
Toccato il fondo il Venezia non può che sperare di risalire. A Crema è stato l'abituale episodio a pochissimo dalla fine a negare quel punticino che avrebbe avuto un valore immenso per una squadra che ora si trova solitaria sul fondo della classifica a due punti dall'avversaria più vicina.
Sulla debacle di Crema si è avuta la conferma di alcune lacune che attanagliano questa squadra da inizio stagione e che non possono essere colmate esclusivamente con il cambio di allenatore.
Abbiamo verificato sul campo i limiti della squadra che ancor prima che tecnici sono caratteriali. Manca quella giusta dose di cattiveria agonistica indispensabile per portare a casa punti da ogni campo. E soprattutto è necessario calarsi nel ruolo di formazione che deve lottare per salvarsi.
Su questo bisognerà lavorare a fondo in attesa di poter effettuare eventuali rinforzi che rendano più equilibrati i reparti. Prima di Gennaio grandi operazioni di mercato - come ben si sa - non sono fattibili.
Dopo un primo tempo interpretato in maniera ottima, creando almeno quattro ocassioni da rete tra cui una traversa e un gol annulato, nella ripresa il Crema è scesp in campo con una grinta superiore alla nostra mentre noi abbiamo sbagliato ad aspettare troppo.
Non abbiamo saputo sfruttare le occasioni e siamo stati puniti da un episodio. Purtroppo abbiamo concesso un paio di rimpalli a favore del Crema in occasione del gol e questa è una situazione che non deve verificarsi mai.
Intanto, domenica al Penzo, arriva un Cesena appena reduce da un chiaro successo (3-1) con prima rete stagionale dell'ex Veronese.

Commenti

Post popolari in questo blog

Sei un fiume forte, non ti perderai

[…] mi viene solo in mente quella storia dei fiumi, […] e al fatto che si son messi lì a studiarli perché giustamente non gli tornava 'sta storia che un fiume, dovendo arrivare al mare, ci metteva tutto quel tempo, cioè scelga, deliberatamente, di fare un sacco di curve, invece di puntare dritto allo scopo, […] c'è qualcosa di assurdo in tutte quelle curve, e così si sono messi a studiare la faccenda e quello che hanno scoperto alla fine, c'è da non crederci, è che qualsiasi fiume, […], prima di arrivare al mare fa esattamente una strada tre volte più lunga di quella che farebbe se andasse diritto, sbalorditivo, se ci pensi, ci mette tre volte tanto quello che sarebbe necessario, e tutto a furia di curve, appunto, solo con questo stratagemma delle curve, […] è quello che hanno scoperto con scientifica sicurezza a forza di studiare i fiumi, tutti i fiumi, hanno scoperto che non sono matti, è la loro natura di fiumi che li obbliga a quel girovagare continuo, e perfino esatto…

dal libro "Marcovaldo"

"Papà" dissero i bambini, "le mucche sono come i tram? Fanno le fermate? Dov'è il capolinea delle mucche?"
"Niente a che fare coi tram" spiegò Marcovaldo, "vanno in montagna."
"Si mettono gli sci?" chiese Pietruccio.
"Vanno al pascolo a mangiare l'erba."
"E non gli fanno la multa se sciupano i prati?" Italo Calvino

A Napoli

Troppa folla, troppo disordine, troppo rumore. Non pioveva, ma le strade erano bagnate e umide peggio che in campagna, e dappertutto bucce e cartacce, semi di zucca, scheletrini di pesci, valve di cozze, banchi di pizzaiuoli di paste cresciute esposte alla polvere in un acre fetor d'olio fritto. Domenico Rea