Passa ai contenuti principali

Il psico-nano promette a Vespa : dal 2011 imposte giù del 10%


Nuova esternazione del psico-nano : " Dal 2011 le imposte sulle famiglie e sulle imprese scenderanno del 10%. E' quanto affermato dallo stesso nel libro di Bruno bzz Vespa " Viaggio in un Italia diversa ".
Il premier fà su questo versante, molto affidamento nei comuni che, dovrebbero controllare la congruità della dichiarazione dei reditti dei contribuenti in relazione al loro tenore di vita. La pressione fiscale in Italia è oltre il 43% e, il psico-nano si propone di portarla, entro cinque anni, sotto il 40%.
Per l'appunto, sono i comuni l'arma a cui si affiderebbe il nostro primo ministro per realizzare il suo progetto di riduzione delle imposte.
Ma come intenderebbe utilizzare questa risorsa ? E' da ormai un pò di tempo che gli amministratori comunali sono sul piede di guerra per l'abolizione dell'Ici e richiedono integrazioni alla perdita economica che hanno subito.
Se parliamo poi di affidarci al federalismo ne vedremo certamente di belle ma non indirizzate alla diminuzione della pressione fiscale ma sicuramente all'inasprimento della stessa, da qualche parte i soldi perduti devono pur rientrare !
Oppure torneranno in auge le operazioni di facciata tipo la detassazione degli straordinari, la rinegoziazione dei mutui o, tornando ai tempi del ventennio, ripristinare il "bonus bebè" per i nuovi nati.
E' molto probabile che il nostro presidente del consiglio non abbia ancora capito che si governa nell'interesse di tutti i cittadini, non di una fazione o di una persona. Ma, il governo, lui dice, stà lavorando per ridurre le imposte. Se è bene aver messo sul groppone dei contribuenti (di cui facciamo parte tutti) cinque miliardi da dare a Gheddafi per ingraziarselo per i suoi affari e altri miliardi di debiti Alitalia, che si potevano evitare con il precedente accordo, se è bene aver ridato all'industria farmaceutica la possibilità di spennarci impunemente, se è bene aver diminuito drasticamente i soldi destinati alla scuola...beh se queste sono le operazioni di cui si vanta e che servono a far diminuire le tasse vuol dire che questo governo ce lo siamo proprio meritato.

Commenti

Post popolari in questo blog

Sei un fiume forte, non ti perderai

[…] mi viene solo in mente quella storia dei fiumi, […] e al fatto che si son messi lì a studiarli perché giustamente non gli tornava 'sta storia che un fiume, dovendo arrivare al mare, ci metteva tutto quel tempo, cioè scelga, deliberatamente, di fare un sacco di curve, invece di puntare dritto allo scopo, […] c'è qualcosa di assurdo in tutte quelle curve, e così si sono messi a studiare la faccenda e quello che hanno scoperto alla fine, c'è da non crederci, è che qualsiasi fiume, […], prima di arrivare al mare fa esattamente una strada tre volte più lunga di quella che farebbe se andasse diritto, sbalorditivo, se ci pensi, ci mette tre volte tanto quello che sarebbe necessario, e tutto a furia di curve, appunto, solo con questo stratagemma delle curve, […] è quello che hanno scoperto con scientifica sicurezza a forza di studiare i fiumi, tutti i fiumi, hanno scoperto che non sono matti, è la loro natura di fiumi che li obbliga a quel girovagare continuo, e perfino esatto…

dal libro "Marcovaldo"

"Papà" dissero i bambini, "le mucche sono come i tram? Fanno le fermate? Dov'è il capolinea delle mucche?"
"Niente a che fare coi tram" spiegò Marcovaldo, "vanno in montagna."
"Si mettono gli sci?" chiese Pietruccio.
"Vanno al pascolo a mangiare l'erba."
"E non gli fanno la multa se sciupano i prati?" Italo Calvino

A Napoli

Troppa folla, troppo disordine, troppo rumore. Non pioveva, ma le strade erano bagnate e umide peggio che in campagna, e dappertutto bucce e cartacce, semi di zucca, scheletrini di pesci, valve di cozze, banchi di pizzaiuoli di paste cresciute esposte alla polvere in un acre fetor d'olio fritto. Domenico Rea