Passa ai contenuti principali

Di chi è la colpa della TV spazzatura ?


La gente è strana, dice di non amare la televisione, ma ogni giorno decine di milioni di italiani trascorrono molte ore davanti alla tv. Siamo il popolo europeo che resta più tempo a guardare la tv : quello che si sorbisce un numero impressionante di ore dedicate al calcio. La cosa ancora più strana è che gli ascolti premiano i programmi indicati come i più stupidi, più volgari. Insomma, più sono programmi spazzatura e più piacciono. Gli stessi che li guardano a fanno salire l'Auditel poi si lamentano della scarsa qualità della tv italiana.
Una televisione replicante (capace di trasmettere la stessa puntata troppe volte), incollate a vecchi telefilm che riproduce sino alla nausea. Basta pensare a Derrick, alla Signora in giallo, al Tenente Colombo, prodotti buoni, con attori eccellenti, ma sfruttati al punto di togliere qualsiasi piacere. Tv che per paura delle nuove idee, consuma le vecchie fino all'ossessione. Quando la signora Franca Ciampi se la prendeva con la "tv deficiente" aveva qualche ragione. Non è che Rai e Mediaset non siano capaci di fare tv di qualità. "Perlasca" è stato un prodotto di alta qualità e "Montalbano" di buona qualità. Come le trasmissioni degli Angela. considero tv di qualità quella di denuncia compresi "Striscia la notizia" e certe puntate delle "Iene". Sono trasmissioni che osano dove le corazzate delle grandi reti balbettano o si mostrano reticenti.
Ogni spettatore ha in mano un'arma terribile, il telecomando. Ma quanti ne fanno uso a favore della qualità ? Il telecomando serve quasi esclusivamente a fare zapping, a cercare altro durante gli spot. Non penso che gli italiani siano disposti per un giorno a spegnere la tv. Ce ne sono tanti per i quali il televisore è l'unico che li ascolta, il solo che parla con loro. E' un problema di qualità della vita, ben più triste di quello della qualità dei programmi.

Commenti

Post popolari in questo blog

Sei un fiume forte, non ti perderai

[…] mi viene solo in mente quella storia dei fiumi, […] e al fatto che si son messi lì a studiarli perché giustamente non gli tornava 'sta storia che un fiume, dovendo arrivare al mare, ci metteva tutto quel tempo, cioè scelga, deliberatamente, di fare un sacco di curve, invece di puntare dritto allo scopo, […] c'è qualcosa di assurdo in tutte quelle curve, e così si sono messi a studiare la faccenda e quello che hanno scoperto alla fine, c'è da non crederci, è che qualsiasi fiume, […], prima di arrivare al mare fa esattamente una strada tre volte più lunga di quella che farebbe se andasse diritto, sbalorditivo, se ci pensi, ci mette tre volte tanto quello che sarebbe necessario, e tutto a furia di curve, appunto, solo con questo stratagemma delle curve, […] è quello che hanno scoperto con scientifica sicurezza a forza di studiare i fiumi, tutti i fiumi, hanno scoperto che non sono matti, è la loro natura di fiumi che li obbliga a quel girovagare continuo, e perfino esatto…

dal libro "Marcovaldo"

"Papà" dissero i bambini, "le mucche sono come i tram? Fanno le fermate? Dov'è il capolinea delle mucche?"
"Niente a che fare coi tram" spiegò Marcovaldo, "vanno in montagna."
"Si mettono gli sci?" chiese Pietruccio.
"Vanno al pascolo a mangiare l'erba."
"E non gli fanno la multa se sciupano i prati?" Italo Calvino

A Napoli

Troppa folla, troppo disordine, troppo rumore. Non pioveva, ma le strade erano bagnate e umide peggio che in campagna, e dappertutto bucce e cartacce, semi di zucca, scheletrini di pesci, valve di cozze, banchi di pizzaiuoli di paste cresciute esposte alla polvere in un acre fetor d'olio fritto. Domenico Rea