Passa ai contenuti principali

Silvio-Faust


Umbria (Healt Center) : nel cuore dell'Umbria fra i boschi della località di Melezzole nel ternano, qui Silvio-Faust, coltivando il mito dell'eterna giovinezza, colpito da un mal di schiena che da alcuni giorni lo infastidiva ma, anche per il gusto di allusciarsi un pò la pancia e forse di eliminare qualche ruga, si è rivolto a tale centro per un restyling che lo rimetta in forma.
Udite, udite la struttura umbra, chiusa per ferie fino al 7 ottobre, è stata riaperta apposta per l'arrivo del premier risanatore, del cavaliere dalla schiena dritta, basti vedere come si è inflessibilmente comportato con i piloti in lotta - che però è anche scricchiolante -.
E sarà bello e in forma come prima e più di prima Super Silvio per la festa del Pdl (inizio Ottobre) e per il suo 72esimo compleanno.
E' talmente forte della sua luna di miele con gli italiani, che una piccola assenza a fin di bene, non abbasserà gli indici di gradimento.
Proprio mentre stà per cogliere il successone su Alitalia, inseguito da tanti mesi ?
Ma Silvio non se ne preoccupa si sente come Mourinho che fà notizia anche quando non c'è. Scusami Silvio ma con un pò di più del tuo prezioso tempo avresti anche potuto fare un salto nella tenuta di Mogol , che sta da quelle parti e ospita una scuola di musica.
Magari ci sarebbe scappata una nuova canzone, non alla maniera di Mariano Apicella ma a quella di Lucio Battisti.

Commenti

Post popolari in questo blog

Sei un fiume forte, non ti perderai

[…] mi viene solo in mente quella storia dei fiumi, […] e al fatto che si son messi lì a studiarli perché giustamente non gli tornava 'sta storia che un fiume, dovendo arrivare al mare, ci metteva tutto quel tempo, cioè scelga, deliberatamente, di fare un sacco di curve, invece di puntare dritto allo scopo, […] c'è qualcosa di assurdo in tutte quelle curve, e così si sono messi a studiare la faccenda e quello che hanno scoperto alla fine, c'è da non crederci, è che qualsiasi fiume, […], prima di arrivare al mare fa esattamente una strada tre volte più lunga di quella che farebbe se andasse diritto, sbalorditivo, se ci pensi, ci mette tre volte tanto quello che sarebbe necessario, e tutto a furia di curve, appunto, solo con questo stratagemma delle curve, […] è quello che hanno scoperto con scientifica sicurezza a forza di studiare i fiumi, tutti i fiumi, hanno scoperto che non sono matti, è la loro natura di fiumi che li obbliga a quel girovagare continuo, e perfino esatto…

dal libro "Marcovaldo"

"Papà" dissero i bambini, "le mucche sono come i tram? Fanno le fermate? Dov'è il capolinea delle mucche?"
"Niente a che fare coi tram" spiegò Marcovaldo, "vanno in montagna."
"Si mettono gli sci?" chiese Pietruccio.
"Vanno al pascolo a mangiare l'erba."
"E non gli fanno la multa se sciupano i prati?" Italo Calvino

A Napoli

Troppa folla, troppo disordine, troppo rumore. Non pioveva, ma le strade erano bagnate e umide peggio che in campagna, e dappertutto bucce e cartacce, semi di zucca, scheletrini di pesci, valve di cozze, banchi di pizzaiuoli di paste cresciute esposte alla polvere in un acre fetor d'olio fritto. Domenico Rea