Quarto ponte. Qualcuno pagherà gli errori ?


Se non siete al corrente ma, il progetto del quarto ponte sul canal grande, a Venezia, prevedeva la presenza del servoscala per disabili. Ora mi chiedo come mai i nostri amministratori locali hanno scartato questo punto ? Forse privilegiando (per semplicità e costi) il trasporto via acqua ?
Resta il fatto di un grave errore di valutazione in quanto la legge obbliga, nel caso di nuove costruzioni, di prevedere nelle stesse l'apparato per utilizzo da parte dei diversamenti abili.
Come mai non si è ritornati al progetto inizialmente presentato ?
Al casa mia chi sbaglia paga e quindi (e mi rivolgo in particolare alla Corte dei Conti) il famoso milione che dovrebbe costare in più la tanto chiaccherata ovovia dovrebbe essere a carico di coloro che hanno autorizzato questo costoso e inutilizzabile marchingegno, semprechè, logicamente, non si possa fare un passo indietro e tornare al servoscala inizialmente previsto.

Commenti