Passa ai contenuti principali

Riuscite a sentire il silenzio francese ?


Ci sono eventi che vanno preparati nella dovuta cornice e le telecamere di Mediaset lo fanno con il piglio giusto perchè entrano sul campo molte ore prima, e Italia Uno, ci ingolosisce con una promessa "Siamo andati a vedere lo stadio, dove fervono i preparativi".
Vediamoli perchè fremiamo anche noi. Dietro le porte non c'è nessuno, a centrocampo non c'è nessuno, negli spogliatoi non c'è nessuno, nei parcheggi non c'è nessuno, la verità e che in tutto lo stadio non c'è nessuno. Fortuna che, qualche ora dopo, il tg della rete allarghi gli orizzonti, perchè non è solo la vigilia di Italia-Francia ma anche quello degli esami per milioni di studenti. Ed è giusto che arrivino i dovuti consigli.
Fare un ripasso? Andare a dormire prima? Svegliarsi presto? No, fare sesso e un'esperta spiega pure perchè. E se pensate che l'ultima notizia data, è stata quella della morte di Mario Rigoni Stern, uno dei più grandi scrittori italiani del dopoguerra, allora capirete perchè, tutto sommato, è meglio tenersi stretti i giornalisti televisivi sportivi, bordocampisti compresi, persino quelli della Rai. Così Carlo Paris dopo l'1-0 dell'Italia: Sentite l'entusiasmo dei sostenitori sportivi? Non so se vi arriva anche il silenzio dei tifosi francesi".
Errebi

Commenti

Post popolari in questo blog

Sei un fiume forte, non ti perderai

[…] mi viene solo in mente quella storia dei fiumi, […] e al fatto che si son messi lì a studiarli perché giustamente non gli tornava 'sta storia che un fiume, dovendo arrivare al mare, ci metteva tutto quel tempo, cioè scelga, deliberatamente, di fare un sacco di curve, invece di puntare dritto allo scopo, […] c'è qualcosa di assurdo in tutte quelle curve, e così si sono messi a studiare la faccenda e quello che hanno scoperto alla fine, c'è da non crederci, è che qualsiasi fiume, […], prima di arrivare al mare fa esattamente una strada tre volte più lunga di quella che farebbe se andasse diritto, sbalorditivo, se ci pensi, ci mette tre volte tanto quello che sarebbe necessario, e tutto a furia di curve, appunto, solo con questo stratagemma delle curve, […] è quello che hanno scoperto con scientifica sicurezza a forza di studiare i fiumi, tutti i fiumi, hanno scoperto che non sono matti, è la loro natura di fiumi che li obbliga a quel girovagare continuo, e perfino esatto…

The Libertines