Passa ai contenuti principali

La morte


Se ne è andato con la stessa forza tranquilla con cui aveva vissuto, combattuto, pensato e scritto.
Mario Rigoni Stern, l'ultimo dei grandi vecchi della letteratura veneta, si è spento l'altra sera nella sua casa di Asiago.
Era nato il 1° Novembre 1921, sempre ad Asiago. La famiglia l'ha vegliato nella malattia che negli ultimi mesi è esplosa nella sua virulenza e l'ha protetto da quel clamore che lui per primo non amava.
Così ieri pomeriggio, solo con i famigliari più stretti, lo scrittore è stato sepolto nel cimitero di Asiago.
L'aveva chiesto lui stesso, mentre negli ultimi giorni e nelle ultime ore, in tutta Italia ci si chiedeva sottovoce quali fossero le sue condizioni.
In realtà quel male incurabile che l'aveva colpito al cervello, pur lasciandone intatte tutte le facoltà, l'aveva indebolito all'inverosimile, fino a costringerlo a letto nelle ultime settimane. Da tre giorni Rigoni Stern era entrato in coma.
La sua vita vera, laboriosa e intelligente s'è conclusa la sera di lunedì scorso.

Commenti

Post popolari in questo blog

Sei un fiume forte, non ti perderai

[…] mi viene solo in mente quella storia dei fiumi, […] e al fatto che si son messi lì a studiarli perché giustamente non gli tornava 'sta storia che un fiume, dovendo arrivare al mare, ci metteva tutto quel tempo, cioè scelga, deliberatamente, di fare un sacco di curve, invece di puntare dritto allo scopo, […] c'è qualcosa di assurdo in tutte quelle curve, e così si sono messi a studiare la faccenda e quello che hanno scoperto alla fine, c'è da non crederci, è che qualsiasi fiume, […], prima di arrivare al mare fa esattamente una strada tre volte più lunga di quella che farebbe se andasse diritto, sbalorditivo, se ci pensi, ci mette tre volte tanto quello che sarebbe necessario, e tutto a furia di curve, appunto, solo con questo stratagemma delle curve, […] è quello che hanno scoperto con scientifica sicurezza a forza di studiare i fiumi, tutti i fiumi, hanno scoperto che non sono matti, è la loro natura di fiumi che li obbliga a quel girovagare continuo, e perfino esatto…

The Libertines