Passa ai contenuti principali

Valerio se ne è andato









Vado, ma in realtà vengo sospinto,verso un destino ignoto e senza luce;
avanzo a passi incerti, non ho meta,neppure so dove la via conduce.
Spesso smarrito guardo alle mie spalle,alla già lunga strada che ho percorso ed avvilito resto a meditare quanto del tempo mio sia già trascorso.
Rivivo ore di dolore e gioia,rivedo visi amati, e sento a volte in lontananza suoni di campane scandire l’ore al buio della notte.
Mi ritrovo ragazzo spensierato,giovane speranzoso ed incosciente,capace d’inseguire con coraggio sogni che dominavano la mente.
Cosa resta di ciò nel mio presente?
Un po’ d’esperienza ormai datata,
qualche gioia che piace ricordare,tristi rimpianti d’un’età beata.
Vorrei sedermi un poco a riposare,
ma l’impietoso tempo non consente:
bisogna andare avanti senza posa,
incontro all’al di là, incontro al niente.

Commenti

  1. Complimenti di cuore, Renato.
    Queste tue parole non possono lasciare indifferenti, colpiscono al centro, fanno pensare, fermarsi un attimo a rileggere e scoprire sentimenti ed emozioni comuni...
    Grazie.
    Un'unica amarezza mi resta alla fine, su quella tua chiusura sulla parola "niente"...
    Ciao

    RispondiElimina
  2. Purtroppo non ci aspetta che il niente dopo questa esistenza terrena. Vorrei tanto che qualcuno mi dimostrasse il contrario. Lo so sono parole dure ma............ in questo momento non ho altro che enorme vuoto, forse una piccola speranza ma niente di più.
    Ciao

    RispondiElimina

Posta un commento

Post popolari in questo blog

Sei un fiume forte, non ti perderai

[…] mi viene solo in mente quella storia dei fiumi, […] e al fatto che si son messi lì a studiarli perché giustamente non gli tornava 'sta storia che un fiume, dovendo arrivare al mare, ci metteva tutto quel tempo, cioè scelga, deliberatamente, di fare un sacco di curve, invece di puntare dritto allo scopo, […] c'è qualcosa di assurdo in tutte quelle curve, e così si sono messi a studiare la faccenda e quello che hanno scoperto alla fine, c'è da non crederci, è che qualsiasi fiume, […], prima di arrivare al mare fa esattamente una strada tre volte più lunga di quella che farebbe se andasse diritto, sbalorditivo, se ci pensi, ci mette tre volte tanto quello che sarebbe necessario, e tutto a furia di curve, appunto, solo con questo stratagemma delle curve, […] è quello che hanno scoperto con scientifica sicurezza a forza di studiare i fiumi, tutti i fiumi, hanno scoperto che non sono matti, è la loro natura di fiumi che li obbliga a quel girovagare continuo, e perfino esatto…

E' l'addio

Cos'è quella sensazione che si prova quando ci si allontana in macchina dalle persone e le si vede recedere nella pianura fino a diventare macchioline e disperdersi? È il mondo troppo grande che ci sovrasta, è l'Addio. Ma intanto, ci si proietta in avanti verso una nuova, folle avventura sotto il cielo. Jack Kerouac